Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Real Madrid, il figlio di Ancelotti:
«Quel video mostrato ai giocatori»

Domenica 29 Maggio 2022 di Cristiano Sala
Real, il figlio di Ancelotti: «Quella stretta di mano e il video mostrato ai giocatori»

Abbiamo scoperto il lato rock di Carlo Ancelotti: suo figlio Davide. Il Real Madrid ha appena vinto la Champions League a Parigi contro il Liverpool, e il vice allenatore del club spagnolo viene intercettato in campo dalle telecamere di Sky Sport. Qualche istante di professionale calma e poi la gioia elettrica del figlio di uno dei più grandi allenatori della storia del calcio: «Cosa dobbiamo dire di questi qua? Cosa?! Hanno vinto 6 Champions». Alza la voce con gioia Davide Ancelotti. La Champions League è di nuovo a Madrid, e il principale collaboratore di "Carletto" racconta le sue sensazioni: «Adesso sono vuoto, devo ancora realizzare. Però me ne renderò conto, abbiamo fatto qualcosa di straordinario. Anche la finale, giocare contro una squadra del genere è difficile, hanno fatto una cosa incredibile quest'anno. Questo sport è dei giocatori».

La vittoria di Ancelotti, il trionfo Champions del Real

Ancelotti junior fa un elogio a suo padre, giunto alla quarta Champions League da tecnico in carriera: «Questo significa essere un grande campione. Cosa mi ha detto prima della partita? Niente, solo una stretta di mano più forte del solito. E poi grande fiducia nei giocatori, questi sanno come si fa...». Davide Ancelotti svela poi i dettagli del video mostrato ai giocatori prima della partita contro il Liverpool: «Erano gli "in bocca al lupo" delle rispettive famiglie. Dopo Lisbona era una sorpresa, oggi non più ma è stato comunque emozionante». Infine Ancelotti junior ricorda come è nato il ritorno di Carlo a Madrid: «Lui si è proposto, ha detto al Real "guarda che se mi chiamate ci sono". Lo hanno richiamato e non ci ha pensato un attimo. Amiamo questo club, così come amiamo il Milan».

Ultimo aggiornamento: 15:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA