Diawara: «Il calcio di Fonseca
sembra semplice, ma non lo è»

Venerdì 23 Agosto 2019 di Gianluca Lengua
Amadou Diawara ha trovato nella Roma sua squadra ideale per risalire la china dopo l’ultima esperienza al Napoli in cui non ha brillato. Con lui Fonseca sta facendo un lavoro accurato che lo porterà a concorrere per il ruolo di regista: «Lavora molto sulla mia postura del corpo. Vuole che si cerchi sempre di verticalizzare, di cercare di togliere la palla da una parte e portarla dall’altra. Vuole un calcio molto interessante, che sembra semplice, ma non lo è. Stiamo lavorando per affrontare al meglio le gare di campionato», ha detto il centrocampista al Match Program giallorosso. Domenica la Roma affronterà il Genoa nella prima di campionato: «Non sarà una partita facile per noi e sappiamo che tutti i club di Serie A si fanno trovare pronti ad inizio stagione. È una grande squadra che può darci molto fastidio, però noi in questo momento siamo quasi al 100%. Stiamo preparando la partita al meglio e speriamo di iniziare bene la stagione». Tra i nuovi compagni ce n'è che lo ha impressionato particolarmente: «Sono qui già da un mese e vado d’accordo con tutti, infatti sono ben inserito con i miei compagni. Parlo un po’ di più con Veretout con cui divido la stanza. Lo conoscevo già, ma sinceramente Kolarov mi ha impressionato. Sapevo che era un grandissimo giocatore, ma vedendolo allenarsi così, al massimo sempre, mi ha preso un colpo. Non ci credevo, è troppo forte». In chiusura un parallelo tra Sarri e Fonseca: «Sicuramente tra i due ci sono dei punti in comune. A Sarri non piaceva che si buttasse la palla in avanti, voleva sempre uscire con il pallone a terra. Penso che anche mister Fonseca voglia lo stesso, vuole sempre ‘usare’ i centrocampisti e uscire palla al piede». 
  Ultimo aggiornamento: 22:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA