Manita della Samp al Brescia,
Ranieri si allontana dalla zona calda

Domenica 12 Gennaio 2020 di Marco Callai
La vittoria del carattere, determinante per un concreto rilancio in classifica. La Sampdoria ribalta il Brescia e si allontana dalla zona retrocessione, ora distante 5 lunghezze in attesa di Verona-Genoa. La squadra di Ranieri brilla per compattezza e non si disunisce dopo l’iniziale svantaggio. Alla rete di Chancellor rispondono, nel primo tempo, Linetty e Jankto (il migliore in campo con anche 2 assist) mentre nella ripresa i blucerchiati dilagano con la doppietta di Quagliarella  inframmezzata da Caprari. La banda Corini paga l’atteggiamento remissivo adottato dopo il pari dei padroni di casa.  

LA PARTITA Ranieri ha una doppia emergenza in difesa e a centrocampo. Per prendersi cura di Balotelli, l’inedita coppia Chabot-Regini. Vanno sugli esterni, in una posizione a loro non particolarmente congeniale, Thorsby e Linetty. Corini sostituisce Tonali e Cistana con Viviani e Mangraviti. 

La Samp cerca di impostare la partita con attacchi lungo le fasce. Da qui la combinazione Linetty-Jankto al 10’ per un tiro destinazione orbita.  Le difficoltà della difesa di Ranieri sui palloni alti si palesano tutte insieme al 12’: su azione d’angolo, prolungamento di Torregrossa per l’appoggio facile di testa di Chancellor in fondo al sacco. La reazione blucerchiata non si fa attendere e il pari è sfiorato in tre occasioni a cavallo tra il 18’ e il 24’. Combinazione Thorsby-Jankyo, palla fuori di pochissimo con Joronen fuori casa.  Quagliarella spreca poi due chance: la prima, clamorosa, con una soluzione centrale, tentata all’altezza del dischetto, e facile preda del portiere bresciano ,  e la seconda con una rovesciata alta.

Dopo la mezz’ora, il Brescia sembra poter controllare vantaggio e ritmo-gara ma al 34’ subisce il gol del pareggio a opera di Linetty, bravo ad addomesticare un cross di Gabbiadini e a spedire, con un diagonale chirurgico, la sfera alle spalle di Joronen. La Samp continua a crederci e la sua tenacia è premiata in occasione dell’ultimo dei 3 minuti di recupero. Traversone di Linetty, botta al volo di Jankto che si infila alle spalle di Joronen. 

A inizio ripresa, si scatena Balotelli: due volte Audero deve respingere con i pugni e poi di testa schiaccia male, sempre a tu per tu con il portiere della Sampdoria. SuperMario segna il gol del pari al 57’ ma Calvarese annulla per fuorigioco di Torregrossa. Dieci minuti più tardi, un’ingenuità di Mangraviti (mani su azione di Thorsby) costa un penalty al Brescia: Quagliarella, freddissimo, trasforma. Al 77’ Caprari, dentro da un giro di lancette per Gabbiadini, cala il poker su perfetto suggerimento di Jankto. Al 91’ il pregevole sigillo di Quagliarella ancora su assist dell’ex Udinese.  Ultimo aggiornamento: 19:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA