Scommesse, Zaniolo in Procura: niente giocate sul calcio. Ecco cosa rischia

L'ex attaccante della Roma sarà il prossimo ascoltato a Torino

Scommesse, Zaniolo in Procura: niente giocate sul calcio. Ecco cosa rischia
Scommesse, Zaniolo in Procura: niente giocate sul calcio. Ecco cosa rischia
Giovedì 19 Ottobre 2023, 13:49
2 Minuti di Lettura

Dopo Fagioli e Tonali, ora tocca a Nicolò Zaniolo. L'ex attaccante della Roma, ora all'Aston Villa, sarà il prossimo giocatore ascoltato dalla Procura di Torino nell'ambito del caso scommesse che sta sconvolgendo il calcio italiano. L'azzurro, iscritto nel registro degli indagati, sarà convocato nei prossimi giorni per chiarire la propria posizione, che però sembra più leggera rispetto a quella di Fagioli e Tonali.

Scommesse, l'ex portiere Marco Paoloni: «Ho perso tutto. Un compagno mi mostrò un'app, un po' come Fagioli con Tonali»

Zaniolo infatti già nel primo colloquio avuto con gli inquirenti aveva sempre negato di aver scommesso sul calcio, ammettendo di aver giocato a poker e blackjack su un sito che non sapeva essere illegale.

Una versione che, finora, combacia con quanto emerso dalle indagini della Procura. Nel telefono di Zaniolo non sono state trovate evidenze di scommesse calcistiche, né tantomeno il suo nome è stato tirato in ballo da Fagioli o Tonali.

 

Zaniolo dovrà comunque spiegare come mai il suo nome figura tra i fruitori di piattaforme illegali e chiarire come ci è arrivato, visto che l’accesso al portale è consentito solamente tramite invito. In ogni caso, se confermata questa versione, il giocatore rischia, dal punto di vista penale, una multa salata, mentre non ci sarebbero conseguenze sotto il profilo sportivo, non avendo scommesso sul calcio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA