Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Totti chiama Dybala alla Roma:
«Cercherò di portarlo all'Olimpico»

Venerdì 20 Maggio 2022 di Gianluca Lengua
Totti: «Incontrerò Dybala, cercherò di portarlo a Roma. Un ritorno a Trigoria? I matrimoni si fanno in due»

«Lunedì incontrerò Dybala, vediamo se riusciamo a portarlo a Roma». Sono le parole di Francesco Totti sull’ormai ex attaccante della Juventus accostato ai giallorossi nelle ultime settimane: «Gli dirò tante cose…Saremo a Milano, faremo la partita di Eto’o e giocheremo insieme. Qualche cosa gliela metterò in testa, almeno cercherò di farlo. Speriamo di riuscirci, sempre che la Roma abbia la mia stessa idea. Sarebbe una pazzia se dicessimo che non piacerebbe. Lo dico a titolo personale anche perché non so cosa pensino né lui, né la Roma. È il titolo di tutti i romanisti, io sono il capitano dei romanisti».

Mkhitaryan in scadenza con la Roma: l'Inter lo corteggia, pronto un contratto da 4 milioni

Dybala, lacrime e addio: la corsa (difficile) della Roma tra il nodo ingaggio e i sogni di Mourinho

 

Poi, un'altra rivelazione in vista della finale a Tirana contro il Feyenoord: «Volevo portare Kokcu alla Roma, ma non erano propensi. È un giocatore importante, speriamo che in finale non sia il giocatore che conosco». Su un ritorno a Trigoria, spiega: «Conosciamo le problematiche che ci sono state, ma ora c’è una proprietà nuova, con altre idee e esigenze. I matrimoni si fanno in due. Se mi hanno chiamato? C’è già gente importante, la cosa fondamentale è che la Roma vada bene».

Totti ha poi spiegato come gestire le due prossime partite determinanti per la stagione della Roma: «Sono totalmente diverse, ma ti giochi tanto. Se vinci oggi, aritmeticamente vai in Europa, ma poi c’è una finale importantissima in cui ci si gioca anche un trofeo. Quando giochi una finale dai sempre il massimo per ottenere il risultato», le sue parole a Sky Sport. José Mourinho è la garanzia: «È l’allenatore che ha vinto di più al mondo, chi meglio di lui sa cosa significa questa finale. Non avrà la stessa importanza di una finale di Champions League, ma va rispettata e va vinta. Il mister saprà gestire bene la situazione».

Ultimo aggiornamento: 20:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA