Uefa Nations League: l'Italia nel gruppo 1
con Olanda, Bosnia e Polonia

Martedì 3 Marzo 2020
«Sono soddisfatto di questo girone, ma ora pensiamo all’Europeo». Roberto Mancini, presente al sorteggio di Amsterdam, incassa senza fare una piega le rivali della seconda edizione della Nations League (dal 3 settembre al 17 novembre 2020): le vincitrici dei gironi che si qualificheranno per le Final Four di giugno 2021 e per prendersi il premio da 7,5 milioni) e inquadra l’obiettivo più vicino. Gli azzurri, inseriti nel gruppo 1 della Lega A, affronteranno l’Olanda (sconfitta in finale dal Portogallo di Ronaldo), la Polonia di Lewandoski e Milik (già sfidata l’anno scorso) e la Bosnia di Pjanic Dzeko (battuta in casa e fuori nele qualficazioni europee). L’Italia, partita dalla seconda fascia (e insieme ad altre big: la Francia, la Spagna e il Belgio), è quella del suo gruppo con il piazzamento migliore nel ranking Fifa: 13° posto. Subito dietro l’Olanda testa di serie: 14°. E 19° per la Polonia, finita in quarta fascia. Solo 49° la Bosnia terza. I risultati della Nations League conteranno, insieme con quelli di Euro 2020, per definire le teste di serie per il modiale 2022 in Qatar (a Zurigo il 29 novembre): le 55 nazionali del nostro continente saranno divise 10 gruppi proprio in base al ranking Fifa (attualmente gli azzurri sono all’8° posto tra le europee e quindi dentro). «Le avversarie sono abbastanza forti, ma bisogna vedere dopo l’Europeo. Spesso cambiano anche gli allenatori, le valutazioni le faremo dopo. Noi giochiamo la Nations League per vincerla e per dar spazio a quei giovani che ci saranno utili in futuro», ha spiegato il ct azzurro.

CERIMONIA VERSO EURO 2020
«Lasciateci essere ottimisti e basta parlare di scenari oscuri». Il presidente dell’Uefa Ceferin, da Amsterdam, ribadisce che il prossimo Europeo non è a rischio rinvio per l’epidemia da coronavirus. Avanti, dunque. E appuntamento, stamattina in piazza del Campidoglio, a 100 giorni da Italia-Turchia, partita inaugurale del torneo continentale (il 12 giugno all’Olimpico). L’evento, organizzato da Roma capitale, si aprirà alle 8 ( chiusura alle 18) e presenterà un’installazione di 15 maglie ispirate ai colori delle nazionali che hanno vinto gli Europei. Sulle maglie, frasi che ricordano le loro imprese delle squadre, tracciando così un percorso cronologico ideale che porta fino a quest’edizione innovativa, con 12 città europee sedi della fase finale. Interverranno Frongia, assessore allo sport e commissario straordinario della manifestazione, e Rivera, campione d’Europa nel 1968. Verrà anche presentata la Unique Jersey, il simbolo dell’Europeo, ideata per Roma: una cornice che ha i contorni di una maglia, creata per selfie e foto ricordo.


Gruppo1
Olanda
Italia
Bosnia
Polonia

Gruppo 2
Inghilterra
Belgio
Danimarca
Islanda

Gruppo 3
Portogallo
Francia
Svezia
Croazia

Gruppo 4
Svizzera
Spagna
Ucraina
Germania



  Ultimo aggiornamento: 21:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA