Zaniolo operato, telefonata di Venditti:
«Tieni duro ragazzo, non mollare»

Mercoledì 16 Settembre 2020 di Michele Galvani
Antonello Venditti chiama, Nicolò Zaniolo risponde. Non sappiamo se gli abbia cantato «Grazie Roma» ma sicuramente, la telefonata tra il cantante romano e romanista e l'asso della Roma è stata di grande incoraggiamento. Un invito a «non mollare» e a resistere per tornare più forte di prima. Una sorta di atto d'amore verso il ragazzo che, per la seconda volta, lotta per rientrare a giocare con la sua squadra. Venditti infatti, non avendo il numero del ragazzo, pochi giorni fa lo aveva chiesto ad amici comuni. Poi, la conversazione amichevole. Una delle tante di questi giorni per Zaniolo, che ha ricevuto messaggi e telefonate da amici e colleghi. Il succo è stato sempre lo stesso: coraggio, vai avanti.

Zaniolo, intervento riuscito: rientra tra sei mesi. La mamma: «Si ricomincia a sorridere»

Perin a Zaniolo: «So cosa stai passando, ma dopo l'oscurità c'è la luce»

Zaniolo è stato operato pochi giorni fa in Austria. «Intervento perfettamente riuscito…», aveva scritto il giocatore, con il pollice alzato dal letto di ospedale. «Un grosso abbraccio a tutti quelli che anche con un piccolo messaggio mi hanno scritto come stavo, sono stati giorni difficili ma anche grazie a voi, alla fine, nemmeno più di tanto. Da ora conto alla rovescia per tornare a fare ciò che amo… cioè giocare con la maglia della Roma ed esultare insieme a voi. Sempre forza Roma, innamorato follemente di questa maglia !!».
 

Quanta sfortuna!Non abbatterti ti siamo tutti vicini e ci rialzeremo insieme ancora una volta!Forza Nicolò!💛❤️...☘️☘️...Antonello

Pubblicato da Antonello Venditti su Lunedì 7 settembre 2020

Pochi giorni fa lo stesso Venditti aveva fatto un post sulla sua pagina Facebook: «Quanta sfortuna!Non abbatterti ti siamo tutti vicini e ci rialzeremo insieme ancora una volta!Forza Nicolò». Antonello, in passato dedicò una canzone a Sebino Nela, titolo “Correndo correndo" (1987), quando il difensore ex giallorosso ebbe un grave infortunio, sempre al crociato.

 
Ultimo aggiornamento: 13:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA