Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Venezia-Lazio 1-3: Pedro, Acerbi e Luis Alberto regalano la seconda vittoria di fila a Sarri e chiudono in bellezza il 2021

Mercoledì 22 Dicembre 2021 di Daniele Magliocchetti
Diretta Venezia-Lazio alle ore 16:30. Formazioni ufficiali: Sarri sceglie Radu al posto di Lazzari

La Lazio ottiene il massimo, affonda il Venezia e vince la seconda partita consecutiva. E si regala un Natale coi fiocchi, proprio come aveva chiesto Sarri alla famosa cena di squadra la settimana scorsa. Sei punti tra Genoa e Venezia, sei punti sono arrivati. Non brilla come aveva fatto col Genoa, la formazione biancoceleste, ma MIlinkovic e compagni sono almeno compatti e ordinati, bravi nel palleggio e nel far circolare la palla per disorientare i veneti. Su tutti un "vecchietto" come Pedro che non solo segna il vantaggio dopo tre minuti, ma trascina, motiva e supporta i suoi compagni dall'inizio alla fine della partita. Il vero leader della Lazio.

La partita. La Lazio parte benissimo, con Pedro che si invola verso l'area con un'azione personale, semina il panico tra la difesa del Venezia, con uno slalom perfetto, finte e controfinte, andando e realzzare una bella rete. Un gol che mette i biancocelesti nelle migliori condizioni per condurre la gara. La squadra di Sarri è padrona del campo, palleggia bene e non soffre. Non che abbia occasioni incredibili, solo un paio di ripartenze non sfrutate a dovere, soprattutto da Felipe Anderson che invece di andare verso la porta, tenta il passaggio per Zaccagni prima e Pedro poi, ma senza fortuna. Occasioni sprecate. Alla mezzora, altra ripartenze con Zaccagni che si involta verso la porta, viene atterrato da Caldara, ma Maresca, lì a due passi, fa continuare. Il problema è che su quell'azione il Venezia si procura una chance che poi porterà i veneti a pareggiare. La Lazio accenna una timida protesta, ma alla fine deve accettare la decisione dell'arbitro che, forse, ha un po' troppo sorvolato nella circostanza. Il primo tempo finisce col Venezia che tenta un paio di sortite, ma Strakosha è attento. Nella ripresa stessa musica, con la Lazio che prova ad affondare i colpi e riesce a tornare in vantaggio grazie a un calcio d'angolo battuto da Cataldi, leggermente deviato da Acerbi con la spalla. Una bella soddisfazione per il difensore che, prima della gara è stato pesantemente contestato dai tremila tifosi a Venezia. Gli ultrà non hanno gradito le parole e il gesto del centrale. Che gioca a testa alta, soffre, si fa male al flessore a dieci dalla fine, ma resiste e resta in campo fino alla fine. Il Venezia prova a replicare, ma Strakosha non compie parate incredibili. La gara la chiude Luis Alberto, entrato a un quarto d'ora dalla fine, che avvia l'azione da centrocampo e la chiude all'interno dell'area con un tiro preciso che batte Romero. 

Venezia-Lazio, la cronaca della partita

SECONDO TEMPO

94' - Cioccolatino in area di Lazzari per Luis Alberto che deve solo appoggiare per bucare per la terza volta la porta di Romero

92' - Rosso diretto per Tessmann per un fallo con il piede a martello su Luis Alberto

90' - Quattro minuti di recupero concessi dall'arbitro

86' - Giallo per Caldara per un fallo su Pedro lanciato in ripartenza. Il difensore era diffidato salterà la partita contro la Salernitana

80' - Ultimo cambio anche per Sarri: fuori Felipe Anderson, dentro Andre Anderson

75' - Doppio cambio per la Lazio: entrano Luis Alberto e Lazzari per Basic e Radu. Zanetti utilizza l'ultimo slot per mettere Sigurdsson per Ampadu

74' - Anche Ampadu finisce nel taccuino dell'arbitro: fallo su Milinkovic e giallo per il neroverdearancione

67' - Girandola di cambi per Venezia e Lazio: Tessmann entra per Crnigoj, Lucas Leiva prende il posto di Cataldi

65' - Basic ci prova, ma il tentativo è troppo bello per impensierire la retroguardia dei veneziani

63' - Giallo anche per Basic per una trattenuta su Aramu

56' - Giallo anche per Crnigoj per un intervento da dietro a centrocampo

55' - Doppio cambio per il Venezia: Busio e Okereke entrano per Vacca e Kiyine

54' - Ammonizione anche per Pedro, intervento in ritardo su Vacca

49' - Acerbi sfiora il corner di Cataldi e riporta in vantaggio i biancocelesti

46' - Gara ripresa al Penzo, nessun cambio per i due allenatori

PRIMO TEMPO

45' - Giallo per Luiz Felipe. Due minuti di recupero concessi dall'arbitro

39' - Pedro su assist di Zaccagni ci prova dal limite dell'area, la palla esce di poco

30' - Crossa in area di Aramu, Forte ci arriva di testa e pareggia i conti al Penzo

19' - Basic ci prova dalla lunga distanza, il pallone esce di poco sopra la porta di Romero

13' - Venezia di nuovo pericoloso nella metà campo avversaria: Milinkovic perde palla, Ebuehi riceve ma ancora una volta è la difesa biancoceleste a salvare il risultato

10' - Brivido per la Lazio. Forte riceve palla in area e dopo lo stop di petto calcia da posizione interessante senza però inquadrare lo specchio della porta

3' - Pedro fa tutto da solo e con un colpo da maestro porta in vantaggio la Lazio

2' - Venezia subito pericoloso con un'azione ben costruita, la Lazio riesce a salvarsi in difesa

1' - Fischio d'inizio al Penzo per la gara tra Venezia e Lazio che chiude il 2021 per le due squadre

Venezia-Lazio, formazioni ufficiali

VENEZIA (4-3-3): Romero; Ebuehi, Caldara, Ceccaroni, Molinaro; Kiyine, Ampadu, Busio; Aramu, Henry, Johnsen. All. Zanetti

LAZIO (4-3-3): Strakosha; Marusic, Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Milinkovic-Savic, Cataldi, Basic; Pedro, Felipe Anderson, Zaccagni. All. Sarri

Ultimo aggiornamento: 18:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA