Colpo di scena: il Real San Giuseppe
rinuncia alla serie A con una pec

Giovedì 3 Settembre 2020 di Diego Scarpitti
Difficile decodificare, complicato decifrare. Dalla gioia alla delusione. Tutto è irreale nell’estate gialloblù. Colpo di scena, non solo di sole, sul parquet. Dopo una campagna acquisti faraonica, l’iscrizione al campionato, la voglia di ripartire e calcare scenari importanti, le considerazioni sui calendari, il Real San Giuseppe ammaina la bandiera, sorprende tutti e rinuncia alla serie A. Un forfait inaspettato per la formazione allenata da Andrea Centonze, che volontariamente non parteciperà al massimo campionato di calcio a 5.

«Sarà inoltrata una pec di rinuncia alla Divisione calcio a 5. E' un'amara consapevolezza dover prendere atto, a pochi giorni dall'inizio della preparazione, di una situazione inaspettata e problematiche insormontabili». La motivazione che si legge nella nota stampa redatta dal club presieduto da Antonio Massa.

Diaspora social. Da qualche giorno sulle pagine Facebook dei giocatori sono comparsi diversi messaggi. «La mia avventura al Real San Giuseppe è finita ancor prima di iniziare. C’è tanta delusione ma bisogna guardare al futuro con fiducia e speranza», sottolinea Massimo De Luca. E ancora Francesco Molitierno, portiere dell’Italfutsal. «Ora guardiamo avanti sempre con positività». Lasciano anche il capitano Vincenzo Botta e il direttore generale Stefano Salviati. Salutano Vinicius Duarte, Victor Mello, Elisandro, Felipe Manfroi e Lolo Suazo.

«La proprietà, dopo attenta riflessione, ha ritenuto opportuno riferire la decisione presa ai giocatori, a tutto lo staff tecnico e dirigenziale. A loro e a tutti quelli che ci hanno seguito in questi anni con affetto e passione, non possiamo fare altro che porgere le nostre scuse, sperando che un giorno, non troppo lontano, si possano ricreare le condizioni per far tornare a battere il cuore gialloblù». Epilogo e titoli di coda per il Real San Giuseppe (foto di Francesco Sollo).

Cala il sipario. Grande è il caos sotto il cielo.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA