Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Figc Campania, nasce la Casa del calcio:
«Confronti con i genitori dei giocatori»

Lunedì 31 Gennaio 2022
Figc Campania, nasce la Casa del calcio: «Confronti con i genitori dei giocatori»

La Casa del Calcio campano: è il progetto che il presidente della Figc regionale, Carmine Zigarelli, sta studiando con i suoi più stretti collaboratori. Si tratterà di un centro di formazione, oltre che di tutela e sostegno, a disposizione dei club. Se ne parlerà in un imminente incontro con il sindaco della Città Metropolitana di Napoli Gaetano Manfredi. Intanto, è partita la newsletter del comitato regionale in cui sono comunicate tutte le attività del Comitato e anche bandi e opportunità per le società.

Spiega il presidente Zigarelli: «Ho voluto fortemente l'istituzione della newsletter per rendere sempre più sinergico il rapporto con i club che saranno messi al corrente di tutte le nostre attività, tra queste una messa da celebrare nel Santuario della Madonna del Rosario a Pompei in ricordo di tutti i dirigenti federali e societari, che sono recentemente scomparsi. Il 10 gennaio sono iniziati il corso gratuito stampa e comunicazione sportiva organizzato in collaborazione con Ussi e quello di collaboratore di gestione sportiva in collaborazione con Adise. Ho dal primo giorno deciso di puntare sulla formazione e professionalizzazione dei nostri dirigenti e non solo. Partiremo a breve con corsi per dirigenti sportivi, in diritto sportivo, in medicina e psicologia dello sport. Inoltre avvieremo vivaci confronti con i genitori delle nostre tesserate e tesserati, e con i dirigenti, al fine di costituire una squadra che fattivamente possa contribuire alla crescita di questi giovani e regalare loro un futuro all'altezza dei sogni che hanno».

L'obiettivo non è soltanto calcistico, sottolinea il presidente del Cr Campania: «I nostri ragazzi devono non solo diplomarsi, ma anche laurearsi. Non tutti saranno calciatori, ma il nostro mondo è fatto di allenatori, arbitri, formatori, medici, fisioterapisti, massaggiatori, giornalisti, avvocati, commercialisti, responsabili marketing, ingegneri, architetti, team manager e tanto altro. Per cui il nostro compito sarà quello di accompagnarli in questo percorso di crescita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA