Il calcio campano chiede al governo:
«Ci facciano ripartire come in serie D»

Domenica 17 Gennaio 2021 di Gianluca Agata
Campo vuoto

La Campania del calcio non ci sta. L'ulteriore sospensione da parte del Governo di tutte le competizioni e gare dilettantistiche si sta abbattendo come uno tzunami nel mondo del calcio regionale che chiede a gran voce di ripartire, allo stesso modo della serie D, campionato a carattere nazionale e diviso, per protocollo, da quello regionale, solo per i tamponi effettuati 48 ore prima di un match. E così arriva l'iniziativa inedita: capitani, allenatori e preidenti di 112 squadre regionali di Eccellenza e Promozione, hanno sottoscritto un documento di sensibilizzazione indirizzato al presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, ed a quello del Comitato Regionale Carmine Zigarelli affinché sensibilizzino il governo per la ripartenza del calcio campano. Uniti nello spogliatoio e nel momento del bisogno. Capitani ed allenatori dei club di eccellenza e promozione della Campania, hanno deciso di affrontare in prima persona la questione legata alla  decisione emanata dal governo nell’ultimo Dpcm DEL 16  gennaio, di sospendere ulteriormente  tutte le competizioni e le gare dilettantistiche fino alla data del 5 marzo.«La notizia - scrivono i protagonisti del calcio campano - ha generato preoccupazione e perplessità in tutto il bacino di operatori che gravitano intorno all’emisfero in questione (calciatori, allenatori, dirigenti, addetti ai lavori), ma soprattutt , ha sollevato fortissimi dubbi sulla motivazione di non equiparare il protocollo applicato alle squadre di serie D anche ai campionati di promozione ed eccellenza». 

L’iniziativa, organizzata dai calciatori Borrelli dello Sporting Barra e Silvestro del Villa Literno, oltre a sensibilizzare l’opinione pubblica, ha già riscosso un notevole riscontro di adesioni e partecipazione.

 A Sibilia e Zigarelli, unici rappresentanti e delegati dell’intero movimento dilettantistico, si chiede una «assunzione di responsabilità nella presentazione al ministro dello sport ed alla commissione tecnico – scientifica, di un protocollo analogo a quello presentato ed adottato dalle società di serie D, nonché,  la  possibilità di stabilire e stipulare eventuali convenzioni per l’analisi rapida e test molecolari da poter consentire lo svolgimento delle competizioni in totale sicurezza». Silvestro e Borrelli fanno notare che  «in Campania tra eccellenza e promozione siamo 112 squadre per 2800 tesserati. Se solo di questi 2800, percepissero il bonus sport e salute 500 tesserati, lo Stato starebbe mettendo a disposizione 400.000 euro mensili. Se questi 400.000 euro li usassimo per tamponi settimanali, diviso 112 società fa 3571 euro a disposizione e ogni mese altro che tamponi che potremmo fare». Attualmente il protocollo della serie D prevede un tampone obbligatorio il cui costo è suddiviso tra società (7 euro) e Lega Dilettanti. La cosa, chiede il mondo dilettantistico regionale potrebbe essere riproposta anche tra eccellenza e promozione.  

Ultimo aggiornamento: 17:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA