Il Futsal Fuorigrotta
saluta il tecnico Fabio Oliva

Mercoledì 22 Aprile 2020 di Diego Scarpitti
Fabio Oliva
Scorrono definitivamente i titoli di coda tra il Futsal Fuorigrotta e il non più tecnico biancazzurro Fabio Oliva. Si scrive «separazione consensuale», si legge addio. Termina, così, il rapporto di collaborazione tra il club flegreo e l’allenatore napoletano.
 
Avventura iniziata il 1 luglio 2019 per il successore di Marcello Magalhaes, che visionò 25 giorni dopo il PalaBarbuto, quale possibile sede naturale per la prima e storica stagione in serie A2. Ipotesi poi tristemente naufragata. In quel sopralluogo presero parte il direttore generale, Pasquale Scolavino, e il direttore sportivo Nicola Ferri, che riserva parole di stima nei confronti di Oliva. «Ringrazio Fabio per il lavoro prezioso svolto in questi mesi».

Lascia una rosa di altissimo valore, al secondo posto in classifica, che ambisce, apertis verbis, al salto di categoria. Accolto inizialmente come «un allenatore ambizioso per un progetto ambizioso», il presidente Serafino Perugino tiene a precisare. «Nessuna tensione o divergenza. Siamo entrambi alla ricerca di nuove esperienze, la nostra era ormai esaurita. Peccato non aver potuto lottare fino alla fine. Ripartiamo con fiducia e ottimismo».

Il Fuorigrotta saluta Oliva, ringraziandolo per «l'impegno, la serietà, la correttezza professionale, augurandogli le migliori fortune».

Quella del Fuorigrotta una panchina ambita da molti. Prematuro formulare possibili soluzioni interne o esterne. E’ ancora presto individuare e tratteggiare l’identikit del nuovo mister. Intanto regna sovrana l’incertezza e i giocatori di calcio a 5 aspettano di conoscere comunicazioni ufficiali in merito alla ripresa o meno del campionato, sospeso per l'emergenza pandemica, dovuta al Covid-19.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA