Napoli femminile-Florentia 3-1
con doppietta di Nocchi e Goldoni

Sabato 20 Marzo 2021 di Diego Scarpitti
Isotta Nocchi

In piena corsa. La notte trascorsa al Grand Hotel Parker’s ha portato bene e consiglio. Forte vento, Vesuvio innevato ma a Barra è già primavera. Le azzurre provano a risalire la corrente, aggiudicandosi un match fondamentale in ottica salvezza. Napoli femminile-Florentia San Gimignano 3-1 con doppietta di Isotta Nocchi e capolavoro balistico di Eleonora Goldoni. Danno una dimostrazione di grinta le guerriere di Alessandro Pistolesi allo stadio Caduti di Brema e stendono le neroverdi con un avvio travolgente ed esaltante. Secondo successo stagionale per capitan Paola Di Marino e compagne, che credono fortemente nell’obiettivo finale e accorciano in classifica sul San Marino (-1).

Si rivede la statunitense Mariah Cameron e non passa inosservata. In campo le due ex di turno, la svedese Jenny Hjohlman e Nocchi, fiorentina e punta centrale in stato di grazia. Federica Cafferata imprendibile sulla fascia destra. Assente la bulgara Evdokija Popadinova.

Partenza col brivido. Il pallonetto di Melania Martinovic dopo 10 secondi non preoccupa le padrone di casa. Ci pensa Nocchi a sbloccare la gara al 4’. Incursione di Cafferata, cross e Amanda Tampieri battuta (1-0). Il 4-3-3 disegnato dal tecnico toscano produce ottime trame offensive. A centrocampo Emma Errico, vera lottatrice di giornata, conquista palla e serve una scatenata Nocchi, che s’invola fulminea e solitaria. Raddoppia il numero 20 in diagonale, indirizzando la sfera nell'angolino in basso a sinistra (2-0). Bastano 11 minuti alle azzurre per legittimare il doppio vantaggio.

Non tarda la reazione avversaria. Si accende il duello tra 17. Sara Nilsson scavalca Elisabetta Oliviero: conclusione fuori misura delle bionda centrocampista. A buon fine, invece, il cross di Cecilia Re al 17’. Sbuca in area Martinovic, che di testa accorcia 2-1. Alza il ritmo la squadra di Stefano Carobbi. Sofia Cantore, già decisiva all’andata, prova a sorprendere su punizione Sabrina Tasselli (19’). Reclama un rigore la formazione partenopea. Serena Ceci sbilancia Hjohlman: penalty non assegnato (26’). Da registrare un problema fisico per la 27enne Luisa Pugnali, costretta ad abbandonare anzitempo. Accompagnata in ambulanza all’Ospedale del Mare in via precauzionale (colpo alla testa). Al suo posto Irene Lotti.  

In completo bianco, Tasselli vola sul colpo di testa di Martinovic (37’), difendendo porta e risultato. Sale in cattedra Goldoni con un’esecuzione perfetta. Super gol dell’ex nerazzurra, che mira all’incrocio di destro da fuori area ed è 3-1 (38’). Per la prima volta in campionato il Napoli realizza tre reti nei primi 45’.

Si allunga l'intervallo e l’arbitro Daniele Virgilio attende il ritorno dell’ambulanza. Nella ripresa tiene il Napoli, gestisce il pallone, concede poco, fa scorrere il cronometro, non corre pericoli. Dentro Alessia Accornero e Federica Anghileri, escono Francesca Imprezzabile e Michela Rodella. Dalla distanza Cantore ma non si lascia sorprendere Tasselli 55’. Fuori Errico, dentro Lára Kristín Pedersen (59’).

Anghileri centra la traversa (64’). Lista lunga delle ammonite: Nocchi (62’), Re (63’), Sara Huchet (68’), Pedersen (84’). Jonna Dahlberg sostituisce Martinovic. Doppio cambio per le azzurre. Richiamate in panchina Nocchi e Oliviero, a dare man forte l’olandese Pia Rijsdijk e l’estone Vlada Kubassova (70’). Festeggia nel migliore dei modi l’onomastico Alessandra Nencioni e l’abbraccio al triplice fischio tra il presidente Lello Carlino e l’allenatore Pistolesi esalta la compattezza del gruppo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA