Napoli femminile, Sarah Huchet:
«Servirà coraggio»

Mercoledì 19 Maggio 2021 di Diego Scarpitti
Sarah Huchet

Rompere gli indugi. Non può fare altrimenti il Napoli femminile alla ricerca della possibile salvezza. Si annuncia un finale di campionato elettrizzante con un epilogo ancora da scrivere. Saranno di scena a Barra le ragazze di Elisabetta Bavagnoli. E proprio con la Roma (17 gennaio 2021) ha avuto inizio l’avventura di Alessandro Pistolesi all’ombra del Vesuvio, contro le giallorosse terminerà la serie A. Nel 22esimo turno le azzurre proveranno a riscattare il 3-2 dell’andata e conquistare l’intera posta in palio. Su rigore firmò il momentaneo 2-2 Sarah Huchet.

 

«La prima partita in trasferta con Pistolesi in panchina. Dalla sconfitta con le capitoline sono emerse le nostre qualità e la consapevolezza di poter restare nella massima serie. Giocammo bene, mancando purtroppo il pari e sfiorando il successo esterno», ricorda la calciatrice bretone. Pensierosa e con le mani nei capelli l’istantanea che sintetizza lo 0-0 al Sinergy Stadium. «Volevamo vincere con il Verona e chiudere definitivamente la volata salvezza. Sapevamo delle difficoltà del match contro una formazione che gioca e difende bene. Alla vigilia sapevamo che non sarebbe stato facile», spiega il centrocampista classe 1994.

«Abbiamo lasciato la delusione in Veneto. Il passato è alle spalle, l’immediato futuro è la Roma», dichiara il numero 23. «Il punto importante guadagnato costringerà le titane a vincere necessariamente con la Fiorentina», rileva l’ex Olympique Marsiglia, che si esprime in un italiano fluente. «Servirà coraggio, positività e fiducia in noi stesse», carica così il gruppo Sarah. «La Roma è una grande squadra in lotta per il quarto posto. Mi piacerebbe segnare il gol della vittoria ma mi basta vincere anche con una rete delle mie compagne», auspica il capocannoniere del Napoli. «Siamo concentrate e stiamo lavorando bene. Non possiamo pensare al San Marino e sperare che non vinca o pareggi. Vogliamo chiudere al meglio la stagione e centrare l’obiettivo salvezza».

Sparge serenità Huchet. «Dobbiamo crederci. Sembrava impossibile salvarci con un solo punto in classifica, poi è arrivato mister Pistolesi e sono aumentate le nostre chance. Oggi siamo a +1, in una migliore condizione mentale e di classifica», rivendica con forza. Unite per vincere. Cena per compattare il gruppo e cementare l’amicizia. Venerdì 22 maggio ritiro (scaramantico) al Grand Hotel Parker’s. Droit au but.

© RIPRODUZIONE RISERVATA