Napoli United, il decalogo di Gargiulo
per ripartire in sicurezza

Martedì 27 Ottobre 2020 di Diego Scarpitti
Antonio Gargiulo

Lo sport in sofferenza e il calcio dilettantistico annaspa. Se il momento risulta particolarmente difficile, il presidente del Napoli United, Antonio Gargiulo, avanza le sue proposte, alla luce dello stop forzato del campionato di Eccellenza. Suggerisce interventi concreti, per tornare in campo in sicurezza, e fronteggiare la pandemia da Covid-19.

«Nel mondo dei dilettanti si contano almeno 500 mila lavoratori, ovvero persone che tra compensi e rimborsi «tirano a campare», spesso con famiglia sulle spalle, senza nessuna tutela! Istruttori, atleti, dirigenti, magazzinieri, fisioterapisti, ma anche addetti stampa, videomakers, gestori degli impianti sportivi, manutentori, parcheggiatori, che oggi si ritrovano improvvisamente senza lavoro». Giocare di squadra la via maestra. «È arrivato il momento di fare rete», prosegue Gargiulo.

«Nella nostra federazione i dilettanti rappresentano il 97% del totale dei tesserati, ma l’interesse è saldamente concentrato sul piccolo 3%, che però rappresenta l’industria calcio che produce miliardi di euro. I professionisti non si possono fermare, perché l’interesse economico prevale anche sulla tutela della salute, mentre le attività organizzate dai comitati territoriali si fermano. Si ferma la base di questo sport, il serbatoio di questo sport. Si ferma la passione ma anche il lavoro di tante persone. Si mettono in difficoltà migliaia di società ed associazioni sportive che hanno già preso impegni e corrisposto acconti». Disamina impietosa ma reale.

Il pallone viaggia a due velocità ma appare sgonfio. «Siamo stanchi di essere trattati come gli ultimi del sistema calcio, un'industria che produce ricchezza per pochi e calpesta gli altri. Vogliamo tornare prima possibile sui campi di calcio in totale sicurezza e servono interventi concreti ed urgenti, auspica il patron verdeblu, che avanza 10 proposte per la ripartenza. Un decalogo calcistico da non tralasciare.

«1) Contributo straordinario da parte dei professionisti in soccorso dei dilettanti (0,5% del fatturato), per sopportare i costi causati dal Covid;

2) Predisporre un protocollo per tutti i dilettanti simile a quello previsto per i professionisti;

3) Destinare i 50 milioni annunciati dal ministro Vincenzo Spadafora alla copertura dei costi per le prescrizioni del protocollo e la prevenzione al Covid;

4) Siglare un accordo con centri autorizzati ad effettuare tamponi, per ridurre sostanzialmente il costo degli stessi;

5) Destinare gli 800 euro annunciati dal ministro Spadafora per ciascun collaboratore sportivo alla copertura dei costi per i controlli periodici (tamponi) preventivi al Covid;

6) Incrementare il fondo previsto per il tax credit sulle sponsorizzazioni, prevedere la stessa misura per l’anno 2021;

7) Istituire il credito d’imposta al 50% per l’anno in corso e per l’anno successivo dei costi  sostenuti per l’iscrizione e le rette mensili dei ragazzi alle scuole calcio;

8) Far proseguire da subito i campionati avviati e programmare nel breve periodo l’avvio di  tutti gli altri tornei;

9) Regolamentare i contratti per i collaboratori sportivi ed atleti anche in Eccellenza e Promozione;

10) Ragionare su una nuova organizzazione dei campionati. Stabilire che la serie D sia semiprofessionista, eliminare l’Eccellenza e distribuire le squadre aventi il titolo tra la serie D e la Promozione, in base ai meriti, requisiti, storia».

Nel Napoli United sono risultati alcuni tesserati positivi, ora tutti negativizzati, compreso il tecnico Salvatore Fasano.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA