Real San Giuseppe, ecco l'universale
belga Valentin Dujacquier

Giovedì 14 Gennaio 2021 di Diego Scarpitti
Valentin Dujacquier

La qualità in un video. Vasto campionario di prodezze e gesti atletici. Si presenta così al Real San Giuseppe Valentin Dujacquier. Connazionale di Dries Mertens (ha già chiesto di incontrare il celebre collega), indosserà la maglia numero 2. Pronto per la nuova avventura in serie A, la new entry è già a disposizione di mister Andrea Centonze. Debutto previsto martedì 19 gennaio contro l’Italservice Pesaro al PalaCercola.

Trasformazione. Centrale, pivot, universale. Il mancino classe 1989 primo colpo del mercato invernale, una boccata di ossigeno per le deficitarie rotazioni, dopo la partenza di Leandro Chimanguinho. Tassello che va ad aggiungersi ad una robusta impalcatura. Agevole integrarsi con capitan Vinicius Duarte e compagni. 

Nato a Charleroi (tristemente noto il sobborgo di Marcinelle, dove si verificò il disastro del 1956), Dujacquier inizia la sua avventura sul parquet con l'Action 21. Successivamente sposa il progetto del Chatelineau, prima di trasferirsi all'Halle Gooik, divenendo il miglior marcatore della storia del club con 153 reti. Ha sempre giocato in Belgio. Palmares copioso con 9 campionati, 8 coppe di lega, altrettante supercoppe e una partecipazione alle Final Four di Uefa Futsal Cup. Eletto anche miglior giocatore belga. Punto cardine della sua nazionale: ha realizzato 41 gol in 66 presenze.

Esprime soddisfazione il presidente Antonio Massa. «Valentin è un ottimo elemento, ci darà una grande mano, soprattutto nella fase difensiva. Vogliamo raddrizzare l'andamento della stagione, che non è iniziata al meglio. A causa dei noti problemi stiamo giocando ogni tre giorni». Calendario fitto di impegni. «Le sconfitte, infatti, sono arrivate per la stanchezza e la mancanza di rotazioni, che si sono venute a creare per gli infortuni: tutto sommato abbiamo fatto bene», ammette Massa junior.

Si continua a giocare a porte chiuse ma i tifosi sono sempre connessi e aggiornati grazie alla solerzia e alle impeccabili telecronache di Carmine Esposito. «I sostenitori gialloblu sono speciali e spero che presto possano venire al PalaCercola, perchè abbiamo bisogno di loro. La squadra continuerà a dire la sua nel prosieguo della stagione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA