Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sezione Aia di Nola, festa per i 75 anni
e per il debutto di Giampiero Miele in A

Mercoledì 22 Giugno 2022 di Nello Fontanella
Il presidente Vitale e l'arbitro Giampiero Miele

La festa di compleanno per gli arbitri nolani a Villa Minieri dove hanno festeggiato i 75 anni di vita della sezione insieme a tanti ospiti, rappresentanti di tutti gli ambienti del calcio, dai vertici regionali della Figc agli arbitri stessi (Guida e Miele tra gli altri, poi Maria Marotta arbitro internazionale femminile e di serie C, Marcello Ambrosino, Felice Strocchia, Roberto Caruso e tanti altri ) dai dirigenti di società agli allenatori. Ed è  stata anche l'occasione per festeggiare il debutto in Serie A di Giampiero Miele con la direzione di Genoa-Udinese lo scorso 21 maggio.

Ad accogliere gli ospiti il presidente di sezione Severino Vitale, visibilmente emozionato, al suo 18esimo anno di presidenza, ben cinque mandati ininterrottamente. Vitale negli ultimi dieci anni ha accompagnato al debutto in Serie A prima Carmine Russo e poi Giampiero Miele,entrambi della sezione di Nola e nativi di Roccarainola. Con l'entusiasmo e la passione di sempre il tema della serata alla quale hanno partecipato tra gli altri monsignore Pasquale Capasso vicario generale della Diocesi di Nola, Carmine Zigarelli, presidente del Comitato regionale della Figc, Alberto Ramaglia, presidente del Cra Campania e i componenti  il Comitato nazionale Aia Nicola Cavaccini e Alberto Zaroli. «Non abbiate mai paura, servite le regole - ha detto Zaroli, che ha portato il saluto del presidente Aia Alfredo Trentalange - da questa sezione sono passate tante persone, uomini e donne, che hanno fatto rispettare le regole, non solo in campo. Non sarete mai soli». 

Il neo sindaco di Nola Carlo Buonauro, magistrato consigliere del Tar con un passato di arbitro di basket e componente ufficio inchiesta, ha augurato agli arbitri nolani «sempre maggiori successi» ringraziandoli anche per veicolare il nome della città  dei gigli e la sua storia in giro per l'Italia. A fine serata la consegna della targa commemorativa ai presidenti delle sezione della Campania e agli altri ospiti presenti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA