Gp Imola, Verstappen vince la gara
davanti a Hamilton: Leclerc è quarto

Domenica 18 Aprile 2021 di Massimo Costa
Gp Imola, Verstappen vince la gara davanti a Hamilton: Leclerc è quarto

Uno a uno tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Se il sette volte campione del mondo si era imposto con la Mercedes in Bahrain, al termine di una corsa tiratissima, a Imola è stato l'olandese della Red Bull-Honda a imporsi in un Gran Premio pazzesco, contraddistinto dalla pioggia e da un brutale incidente tra Valtteri Bottas e George Russell (piloti illesi) che ha costretto la direzione gara a esporre la bandiera rossa. La grande sfida tra Hamilton e Verstappen è solo al secondo capitolo di un romanzo che si dipanerà lungo tutta la stagione. Praticamente tutti i piloti hanno commesso un errore sull'infido asfalto dell'autodromo di Imola, Fernando Alonso e Charles Leclerc addirittura prima di schierarsi per la partenza. Ma quello più grave è stato quello commesso da Hamilton quando alla curva della Tosa, in fase di doppiaggio, è scivolato nella ghiaia perdendo tanto tempo nel rientrare in pista. La bandiera rossa uscita poco dopo, in un certo senso l'ha salvato e così Hamilton da nono ha iniziato una rimonta spettacolare che l'ha portato fino al secondo posto.

Verstappen invece, è stato strepitoso al primo via quando da terzo è balzato in testa alla prima curva, spingendo verso l'esterno con tanta malizia, ma in maniera corretta, Hamilton. L'olandese ha poi tenuto sempre il comando ed ha avuto un solo brivido quando alla ripartenza lanciata dopo la bandiera rossa, alla Rivazza ha perso per un attimo la sua Red Bull, ma è riuscito a non perdere la posizione su Leclerc, che era secondo e non ne ha approfittato. Verstappen ha poi allungato ed ha vinto con un buon margine di vantaggio su Hamilton. Ora è l'inglese a condurre il campionato con 44 punti contro i 43 di Verstappen. Sul terzo gradino del podio è salito un grande Lando Norris con la McLaren-Mercedes, il quale ha saputo sfruttare perfettamente le gomme soft montate nella seconda parte della corsa. Il sorpasso su Leclerc è stato deciso e... decisivo per portarlo in seconda posizione, ma nulla ha potuto per contenere Hamilton.

Bene la Ferrari anche se ha mancato per poco il podio. Leclerc si è piazzato quarto, Carlos Sainz quinto, ma con qualche errore di troppo. Senza la bandiera rossa, il podio non era utopia per il team di Maranello, ma gli imprevisti in una gara così complicata erano sempre dietro l'angolo. Il doppio risultato ottenuto dalla Ferrari è comunque una bella iniezione di fiducia per il prosieguo del campionato. Sesto posto deludente per Daniel Ricciardo con la McLaren che in volata ha battuto l'Aston Martin di Lance Stroll e l'Alpha Tauri di Pierre Gasly, che nella prima fase della corsa è stato tenuto in pista troppo tempo con le gomme full wet mentre i rivali con le intermedie erano nettamente più veloci. Punti anche per l'Alfa Romeo di Kimi Raikkonen, nono, e per la Alpine di Esteban Ocon.

La cronaca

Finale - Vittoria di Verstappen davanti a Hamilton, Norris, Leclerc, Sainz, Ricciardo, Stroll, Gasly, Raikkonen, Ocon, Alonso, Perez, Tsunoda, Giovinazzi, Vettel, Schumacher e Mazepin.

Giravolta innocua di Mazepin, ultimo in classifica. Si ritira ai box Vettel, era 14esimo

61° giro - A 2 giri dall'arrivo, Verstappen + 21"3 Hamilton +22"9 Norris poi le due Ferrari di Leclerc e Sainz.

Hamilton scatenato segna il giro più veloce in 1'16"702, sette decimi sotto il limite di Verstappen. 

59° giro - Gran sorpasso di Hamilton a Norris al Tamburello e sale secondo.

57° giro - Hamilton ha raggiunto Norris, inizia la battaglia per il 2° posto mentre Verstappen è in fuga. Errore di Gasly alla Rivazza che va in ghiaia mentre lottava con Stroll, ma prosegue

55° giro - A 8 giri dal traguardo, Verstappen +18" Norris +18"9 Hamilton +20"9 Leclerc +22"1 Sainz +38" Ricciardo + 38"9 Stroll + 40"3 Gasly poi Raikkonen Ocon Alonso Perez Tsunoda Vettel Giovinazzi Schumacher Mazepin

54° giro - Verstappen continua a siglare giri veloci mentre Hamilton riesce a superare Leclerc per il terzo posto

51° giro - Verstappen è in fuga, battaglia per il secondo posto tra Norris Leclerc Hamilton, più staccato Sainz che ha 13" su Ricciardo seguito da Stroll Gasly Raikkonen e Ocon in top 10. Poi Alonso Perez Tsunoda Vettel Giovinazzi Schumacher Mazepin

49° giro - Hamilton va all'attacco di Sainz e dopo un tentativo non riuscito riesce a prendersi la quarta posizione ai danni della Ferrari.

Duello tra Vettel e Perez per il 12esimo posto. Il messicano passa il tedesco al Tamburello, ma sbaglia e Vettel tiene la posizione

Verstappen, ancora un giro più veloce e si porta a +9"9 su Norris che ha Leclerc a soli 6 decimi. Mentre Sainz è a 1" da Leclerc, ma vede avvicinarsi come un missile la Mercedes di Hamilton

44° giro - Norris ha perso l'effetto delle gomme soft e Leclerc si avvicina forte

41° giro - Verstappen segna il gpv e si porta a +4"8 su Norris +6"4 Leclerc +8"6 Sainz +11"9 Hamilton che supera duro Ricciardo per la sesta posizione. A seguire Stroll Raikkonen Gasly e Ocon in top 10. Poi, Alonso Vettel Perez Tsunoda Giovinazzi Schumacher Mazepin

40° giro - Giovinazzi ai box per un attimo in cui i meccanici sono intervenuti sul posteriore della sua vettura

38° giro - Hamilton supera al Tamburello Stroll e sale sesto

37° giro - Perez va in ghiaia alla Villeneuve e lascia la quarta posizione a Sainz

36° giro di 63 - Verstappen +1"9 su Norris +3" Leclerc +3"7 Perez +4"8 Sainz poi Ricciardo Stroll Hamilton Raikkonen Giovinazzi Alonso Gasly Ocon Vettel Tsunoda Schumacher Mazepin

Si gira Tsunoda e perde tempo, anche Ocon perde il controllo della sua Alpine, ma procede

Verstappen fila via con Norris (gomme soft anche lui) che supera Leclerc poi Perez (soft) Sainz Ricciardo Stroll Hamilton Raikkonen Giovinazzi Alonso Gasly Ocon Vettel Tsunoda Schumacher Mazepin

in safety-car si gira Raikkonen, ma riparte. Anche Verstappen fa un mezzo testacoda ma rimane primo

Motori accesi, le monoposto ritornano in pista alle spalle della safety-car

I piloti sono tornati nell'abitacolo delle loro monoposto, a breve riparte la gara

I 17 piloti rimasti in gara sono scesi dalle loro monoposto e attendono che i commissari concludano il lavoro al Tamburello

33° giro - Con la corsa sospesa per bandiera rossa, le posizioni sono le seguenti: Verstappen Leclerc Norris Perez Sainz Ricciardo Stroll Raikkonen Hamilton Tsunoda Giovinazzi Alonso Ocon Gasly Vettel Schumacher Mazepin

Bandiera rossa, gara sospesa per pulire la pista dai mille detriti in pista lasciati da Russell e Bottas

L'incidente è avvenuto in piena velocità, dopo i box, verso il Tamburello. Russell ha affiancato a destra Bottas, ma ha messo la ruota anteriore destra sull'erba ed è schizzato contro la Mercedes del finlandese a circa 300 orari. Piloti fortunatamente illesi,

31° giro - Brutto incidente tra Russell e Bottas, pezzi di vettura ovunque. Entra la safety-car e Alonso si gira tutto da solo. Hamilton ai box cambia il musetto

30° giro - Alla Tosa, Hamilton nel cercare di passare un doppiato arriva lungo e va in ghiaia urtando le barriere. Riesce a mettere la retromarcia e riparte, ma l'ala anteriore è danneggiata

29° giro - Verstappen e Hamilton si ritrovano in mezzo a una serie di doppiati

Pit-stop per Leclerc e Bottas, gara negativa la sua considerando che guida una Mercedes

28° giro - Pit-stop per Hamilton che va con gomme medie ma rientra dietro a Verstappen. Ai box anche Norris e Perez che cambia pure il volante e sconta lo stop and go

Anche Sainz ai box per montare medie slick, seguito in pit-lane da Ricciardo e Stroll

27° giro - Pit-stop per Verstappen Raikkonen Russell e Gasly che montano le slick medie

Tsunoda ai box per montare gomma media slick

25° giro - Verstappen +2"5 su Hamilton +16" Leclerc +29"7 Perez +41"9 Norris poi Sainz che ha superato Ricciardo. Ottavo Stroll seguito da un anonimo Bottas, Russell Raikkonen Giovinazzi Ocon Alonso Tsunoda Gasly Vettel Schumacher Mazepin.

I doppiaggi di Vettel e Gasly fanno perdere a Verstappen un paio di secondi e Hamilton si porta a 3"

Vettel sconta lo stop and go mentre Leclerc ha cambiato il passo ed ora sta girando almeno due secondi più rapido di Verstappen e Hamilton, ma è staccato di 13"

Vettel ai box decide, primo tra tutti, di montare le gomme medie slick. Il tedesco dovrà scontare uno stop ando go di 10" per un errore del team nella fase pre schieramento di partenza

21° giro - Verstappen conduce con 4"8 su Hamilton, Leclerc perde terreno e vede avvicinarsi Perez, che però dovrà scontare 10 secondi di stop and go

La pioggia è cessata e non dovrebbe più far capolino sul circuito di Imola

17° giro - La McLaren chiede a Ricciardo di far passare il compagno Norris, che ha un passo migliore e l'australiano si fa da parte.

16° giro - Verstappen si porta a +5" su Hamilton, Leclerc sempre terzo solitario

15° giro - Con grave ritardo Alpha Tauri richiama ai box Gasly per montare le gomme intermedie

Vettel supera Gasly, Ocon ha la meglio sul compagno Alonso. Ancora un errore di Sainz, che va sulla ghiaia della Tosa, ma riesce a ripartire

13° giro - Verstappen e Hamilton girano sugli stessi tempi, l'inglese è a 4"1, Leclerc è crollato a 9"6 dal britannico della Mercedes poi Perez Ricciardo Norris Sainz Stroll Bottas Russell Raikkonen Giovinazzi Tsunoda Gasly Vettel Alonso Ocon Schumacher e Mazepin

Gasly con le gomme full wet è in difficoltà nei confronti dei rivali con le gomme intermedie

Penalità per Perez che con safety-car, dopo essere andato in ghiaia, ha superato due piloti che si erano avvantaggiati dalla sua uscita. Cosa vietata

9° giro - Verstappen porta a 5 i secondi di vantaggio su Hamilton che ha allungato su Leclerc. Più staccato Perez che ha problemi col volante, poi Ricciardo Norris Sainz Gasly Stroll Bottas Russell Raikkonen Giovinazzi Tsunoda Ocon Vettel Alonso Mazepin Schumacher

Anche Sainz riesce a superare Gasly per la settima piazza

8° giro - Norris supera anche Gasly e va sesto dietro al compagno di squadra Ricciardo

Grande recupero di Norris che supera Stroll e poi Sainz e sale settimo

Ripartenza della corsa al giro 6, Verstappen tiene la testa e allunga su Hamilton con Leclerc in scia alla Mercedes, poi Perez a 3" dalla Ferrari

Divagazione di Perez nella ghiaia, sempre in regime di safety-car

Vettel riparte dai box mentre Schumacher in regime di safety-car in fondo al rettifilo va a sbattere contro il muro esterno mentre zigzagava per tenere le gomme calde e danneggia il muso della sua Haas

2° giro - In safety-car Verstappen Hamilton Leclerc Perez Ricciardo Gasly Stroll Sainz Norris Bottas Russell Raikkonen Giovinazzi Tsunoda Schumacher Alonso Mazepin Ocon Vettel di nuovo ai box

Il replay mostra come Verstappen abbia accompagnato maliziosamente verso l'esterno Hamilton che ha danneggiato il fondo della sua Mercedes

Sainz errore, Latifi si urta con Mazepin e si schianta contro il muro. Safety-car

Leclerc supera Perez che arriva lungo e si porta in terza piazza, testacoda di Latifi alle Acque Minerali

Partenza micidiale di Verstappen che dalla terza posizione ha affiancato Hamilton, al Tamburello i due si sono urtati e l'ala della Mercedes appare danneggiata.

Ai box Vettel, partirà dalla pit-lane per problemi ai freni

Via al giro di ricognizione, pista bagnata, e Leclerc rischia grosso finendo in testacoda alle Acque Minerali, ma riesce a ripartire. Molto fortunato Leclerc

Sullo schieramento, Gasly, Ocon, Schumacher e Mazepin montano le gomme da bagnato full wet, tutti gli altri con le PIrelli da pioggia intermedia

Piove a Imola su quasi tutto l'autodromo e le strategie studiate ieri dopo la bellissima qualifica sono saltate. Bisogna azzerare tutto e sull'impegnativo tracciato in riva al fiume Santerno tutto potrà accadere. Già nei giri pre schieramento di partenza, non sono mancate le emozioni con Fernando Alonso che alla curva Tosa è andato dritto, come fosse sul ghiaccio sulla pista bagnatissima, ed ha danneggiato l'ala anteriore. Tornato ai box, gli è stata sostituita, ma che brivido per lui e per il team Alpine.

Hamilton ad un passo dalla leggenda conquista ad Imola la pole numero 99. Grande Leclerc 4°

Dunque, Lewis Hamilton dopo la favolosa qualifica di ieri, è pronto a sfidare le due Red Bull-Honda che lo incalzano con Sergio Perez in prima fila e Max Verstappen sulla terza casella della griglia. Ma è Charles Leclerc che può essere la grande sorpresa della giornata, quarto sullo schieramento di partenza con la Ferrari. E attenzione anche a Pierre Gasly con la sempre più convincente Alpha Tauri-Honda, la cui sede è ad appena 15 km dal circuito, nella cittadina di Faenza. Da tenere d'occhio Daniel Ricciardo e Lando Norris, i due piloti McLaren-Mercedes che partono dalla sesta e settima posizione.

Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 22:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA