Gp del Giappone, Bottas e Hamilton in testa nella libere, domani Suzuka chiuso per il tifone Hagibis, domenica pole e gara

Venerdì 11 Ottobre 2019 di Paolo Ricci Bitti
Bottas
dal nostro inviato
TOKYO Bottas in testa e Ferrari in ritardo nelle libere del Gran Premio del Giappone che cerca di schivare il tifone Hagibis atteso per domani nella costa orientale. Il piano, messo a punto dalla Fia con le autorità locali e la federazione automobilistica giapponese, prevede di tenere chiuso lo storico circuito a due ore di macchina dalla capitale per tutta la giornata di domani, quella più a rischio di essere sferzata dai venti fino a 200 chilometri orari del più potente fra i 19 tifoni che hanno finora colpito il Giappone nel 2019.

Domenica mattina si lotterà invece per la pole per la gara fissata alle 7.10 ora italiana (qui le 14.10, diretta Sky, differita alle 15 su Tv8): un programma che ricalca quello dei gran premi del 2004 e del 2010 quando ugualmente le condizioni meteo risultarono avverse.
In realtà oggi la giornata è nuvolosa, afosa e la pista è asciutta, con il tifone Hagibis ("entità che va veloce e fa chiasso", nella lingua delle Filippine nel cui mare è nato) che rumoreggia a mille chilometri dalle rive del Giappone. Nelle stazioni ferroviarie rimbalzano gli annunci dei treni-proiettile Shinkanzen  soppressi "per tifone" nella giornata di domani, ma per il resto i giapponesi, abituati ad affrontare senza panico tutto ciò che trema sotto i loro piedi e tutto ciò che si scatena sulle loro teste, sono più preoccupati per il recente aumento dell'Iva dall'8 al 10 per cento.

Per il momento è poi andata peggio al Mondiale di rugby, per la prima volta ospitato in un paese asiatico: ieri gli organizzatori, scatenando un tifone di proteste, hanno cancellato Italia-Nuova Zelanda e Inghilterra-Francia dimostrando di non avere un piano B per una situazione meteo ampiamente prevedibile. A rischio anche la decisiva Scozia-Giappone. Mai in un mondiale di alcun sport di squadra era stata presa una decisione del genere che adesso oscura le capacità organizzative del Giappone che l'anno prossimo ospiterà i Giochi olimpici a Tokyo.

Intanto i team della Formula, appreso della modifica della tabella di marcia e del 40% di possibilità di pioggia, hanno optato in gran parte per le gomme medie, mentre Vettel ha preferito le morbide: una scelta che pareva aver pagato, ma poi le Mercedes hanno imposto il loro passo conquistando le prime posizioni con Bottas e Hamilton sia nella prima sia nella seconda sessione in cui le Ferrari sono state scavalcate anche da Verstappen. Da notare che questo risultato potrebbe essere usato per la griglia di partenza del Gp se domenica mattina non fosse possibile disputare la terza e ultima sessione di prove.

I risultati (prove 2)
Bottas (Mercedes) 1:27.785
Hamilton (Mercedes) + 0.100s
Verstappen (Red Bull) + 0.281s
Leclerc (Ferrari) + 356s
Vettel (Ferrari) + 591s
Albon (Red Bull) + 671s 
Sainz (Renault) + 1.266s
Perez (Toro Rosso) + 1.514s
Gasly (McLaren) + 1.569s
Norris (Alfa Romeo) + 1.573









 Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 18:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA