F1, Gp Australia: pole di Leclerc
davanti a Verstappen e Perez

Sabato 9 Aprile 2022
F1, Gp Australia: pole di Leclerc davanti a Verstappen e Perez. Sainz 9°

Charles Leclerc su Ferrari è in forma strepitosa: lo ha dimostrato anche nella qualifica odierna a Melbourne. Primo al termine del tentativo iniziale nel Q3 con il tempo di 1'18"239, nella seconda uscita Leclerc ha strappato un incredibile 1'17"868 (26"740, 17"786, 33"342 i parziali) che lo ha messo al riparo da ogni attacco delle due Red Bull-Honda. E sì perché Sergio Perez lo aveva insidiato non poco terminando il suo secondo stint in 1'18"240, ad appena 1 millesimo dalla Ferrari con i parziali di 26"845, 17"760 e 33"635.cEcco allora che Leclerc, si è lanciato ed ha messo la museruola a tutti con 1'17"868. Max Verstappen, non soddisfatto del tramonto del sole che impediva una perfetta visuale del tracciato (ma il problema era per tutti), dopo aver realizzato il tempo di 1'18"399 si è migliorato con 1'18"154 (26"865, 17"792, 33"497 i parziali) facendo meglio di Perez e assicurandosi la prima fila. Ma i 286 millesimi che lo separano da Leclerc lo hanno preoccupato non poco. Dunque, come a Sakhir, sono nuovamente loro a essere davanti a tutti, Leclerc-Verstappen, che ormai sembra essere divenuto il duello dell'anno (a Jeddah la prima fila era stata per Perez-Leclerc).

E' mancato Carlos Sainz. Nel suo primo giro era sui tempi di Leclerc, ma un attimo prima che tagliasse il traguardo, è uscita la bandiera rossa per l'incidente di Fernando Alonso, contro le barriere per un problema al cambio mentre stava percorrendo un eccellente primo giro di qualifica. Sainz si è così ritrovato senza riferimento cronometrico e con un solo tentativo da mettere sul piatto. Nervosismo tanto e quando è tornato in pista in ritardo per un problema all'avviatore, e fatto un giro in meno di preparazione nel riscaldamento gomme, con le Pirelli non perfette ha poi commesso un errore chiudendo soltanto nono. Peccato.

Chi sale in seconda fila è la McLaren-Mercedes di Lando Norris. Finalmente il team di Zak Brown ha centrato la Q3 e con tutte e due le monoposto, evento non verificatosi in Bahrain e in Arabia Saudita. Passi in avanti per la McLaren, con Norris che ritrova le primissime posizioni e Daniel Ricciardo che scatterà dalla settima piazzola. Tra le due MCL36 vi sono le due Mercedes. Non male la prova di Lewis Hamilton e George Russell, rispettivamente al quinto e sesto posto, ma il divario dai primi è notevole: 957 millesimi per Hamilton, 1"065 per Russell. Ricordiamo anche che le attese modifiche all'ala posteriore e al fondo non sono arrivate a Melbourne. E' quindi una Mercedes sempre in affanno, salvata dai suoi ottimi piloti, ma che non può puntare al podio se non per situazioni particolari che si possono creare nell'arco del Gran Premio.

Stava viaggiando forte Alonso, ma in fase di scalata il cambio si è come bloccato e lo spagnolo ha centrato le barriere. Partirà decimo, poco dietro ad Esteban Ocon, ottavo. Vedremo se tra i due piloti Alpine si ripeterà il duello visto a Jeddah, poco utile per l'Alpine, la quale ha però ribadito che i suoi piloti sono liberi di correre come vogliono. Vedremo... cA Melbourne non ci sono state le sorprese dei precedenti Gran Premi. In Q3 non troviamo l'Alpha Tauri-Honda, 11esima con Pierre Gasly e 13esima con Yuki Tsunonda, non c'è la Sauber Alfa Romeo-Ferrari di Valtteri Bottas, 12esimo, e soprattutto la Haas-Ferrari, questa volta rimasta nelle retrovie. Kevin Magnussen, debilitato da un influenza intestinale, non ha superato il Q1 ed è 17esimo, Mick Schumacher è risultato 15esimo.

Nel Q1 si è verificata una incomprensibile incomprensione (scusate il gioco di parole) tra i due canadesi della F1, Lance Stroll e Nicholas Latifi, che si sono urtati. Con quest'ultimo che è certamente difficile da capire quando è al volante. Fine settimana nerissimo per l'Aston Martin perché Sebastian Vettel è riuscito a compiere un solo giro nel Q1 per via dell'incidente nel terzo turno libero, sessione in cui anche Stroll aveva picchiato. In casa Williams, Latifi continua il proprio momento nero, un avvio di stagione pieno di errori, mentre Alexander Albon non riesce a dare il guizzo alla Russell, ed è rimasto fuori dal Q2.

Sabato 9 aprile 2022, qualifica

1 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'17"868 - Q3
2 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'18"154 - Q3
3 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 1'18"240 - Q3
4 - Lando Norris (McLaren-Mercedes) - 1'18"703 - Q3
5 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'18"825 - Q3
6 - George Russell (Mercedes) - 1'18"933 - Q3
7 - Daniel Ricciardo (McLaren-Mercedes) - 1'19"032 - Q3
8 - Esteban Ocon (Alpine-Renault) - 1'19"061 - Q3
9 - Carlos Sainz (Ferrari) - 1'19"408 - Q3
10 - Fernando Alonso (Alpine-Renault) - no time - Q3
11 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'19"226 - Q2
12 - Valtteri Bottas (Sauber Alfa Romeo-Ferrari) - 1'19"410 - Q2
13 - Yuki Tsunoda (Alpha Tauri-Honda) - 1'19"424 - Q2
14 - Guan Yu Zhou (Sauber Alfa Romeo-Ferrari) - 1'20"155 - Q2
15 - Mick Schumacher (Haas-Ferrari) - 1'20"465 - Q2
16 - Alexander Albon (Williams-Mercedes) - 1'20"135 - Q1
17 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'20"254 - Q1
18 - Sebastian Vettel (Aston Martin-Mercedes) - 1'21"149 - Q1
19 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'21"372 - Q1
20 - Lance Stroll (Aston Martin-Mercedes) - no time - Q1

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA