Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Verstappen batte Leclerc:
è sua la pole per la Gara Sprint

Venerdì 8 Luglio 2022 di Massimo Costa
GP di Spielberg, qualifica: Verstappen batte Leclerc per 29 millesimi e conquista la pole per la Gara Sprint di sabato

Per un attimo, la prima fila era tutta Ferrari con Charles Leclerc in pole e Carlos Sainz, secondo, ma bisognava attendere Max Verstappen, quest'anno già in pole a Imola e Montreal. Nel primo settore, l'olandese della Red Bull-Honda è transitato con 70 millesimi di vantaggio su Leclerc, nella seconda parte del tracciato di Spielberg, ha invece perso 39 millesimi sul monegasco. Tutto si è deciso nel terzo e ultimo settore dove Leclerc ha tenuto un vantaggio di 2 millesimi. Ma non è bastato. Verstappen ha siglato il tempo finale di 1'04"984, Charles aveva fermato il suo cronometro sull'1'05"013.

E così, per 29 millesimi la pole è andata al campione del mondo in carica che partirà davanti a tutti nella gara Sprint di sabato. Ma sarà battaglia. La Ferrari è veloce e sui lunghi rettifili del Red Bull Ring, autodromo di proprietà del boss Dietrich Mateschitz, e potrà sfruttare al meglio il DRS. Verstappen avrà due F1-75 in coda perché Sainz si è piazzato terzo a 82 millesimi. Poi, un abisso considerando quanto è corta questa pista. Per trovare il quarto, Sergio Perez, passano quattro decimi e per di più il messicano è a rischio penalità per un track limits in curva 6. Non è stato mai troppo incisivo nel corso della qualifica Perez, ma sappiamo che in gara non concede nulla e i due ferraristi dovranno guardare con attenzione gli specchietti.

La grande delusa della giornata è la Mercedes. Sembrava poter puntare alle prime due file con entrambi i piloti, andando a mescolare le carte tra Red Bull e Ferrari, invece è accaduto l'impensabile nel Q3. Prima Lewis Hamilton alla curva 7, poi George Russell nella curva che immette sul rettifilo di arrivo, hanno commesso errori andando a sbattere contro le protezioni. Piloti indenni, W13 ammaccate non poco. Russell era riuscito a segnare il quinto tempo nel primo push, Hamilton ha sbattuto nel primo tentativo e quindi non ha un crono e partirà decimo. Un vero peccato perché la Mercedes stava dimostrando, dopo il passo in avanti a Silverstone, di poter dire la sua anche in Austria. Ma grazie alla gara Sprint, avrà forse il modo per recuperare terreno.

Bello il sesto tempo conseguito dalla Alpine-Renault di Esteban Ocon, alla sua seconda miglior prestazione stagionale dopo il quinto posto di Jeddah. Incredibile in quarta fila la presenza delle due Haas-Ferrari con Kevin Magnussen settimo e Mick Schumacher ottavo. La monoposto americana aveva conquistato la Q3 anche a Silverstone col tedesco, segnale che gli sviluppi portati in Gran Bretagna stanno funzionando eccome. Fernando Alonso è nono e dividerà la quinta fila della corsa sprint con Hamilton.

Tra i delusi, Pierre Gasly, 11esimo con l'Alpha Tauri-Honda che ha 14esimo Yuki Tsunoda. Bella prestazione di Alexander Albon, 12esimo con la Williams-Mercedes e di poco davanti a Valtteri Bottas. Ma il finlandese della Sauber Alfa Romeo-Ferrari partirà ultimo per avere utilizzato la quarta power unit. Male, malissimo, la McLaren-Mercedes con Lando Norris 15esimo e in grossa difficoltà con il set-up e Daniel Ricciardo fuori al Q1 e 16esimo. Non certo meglio la Aston Martin-Mercedes, out nel Q1 con Lance Stroll e Sebastian Vettel, al quale è stato tolto il miglior crono per track limits. Guan Yu Zhou è parso risentire dello shock di Silverstone ed è 18esimo davanti a Nicholas Latifi, tornato "normale" dopo l'exploit di Silverstone in cui si era piazzato decimo.

Venerdì 8 luglio 2022, qualifica

1 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 1'04"984 - Q3
2 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'05"013 - Q3
3 - Carlos Sainz (Ferrari) - 1'05"066 - Q3
4 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 1'05"404 - Q3
5 - George Russell (Mercedes) - 1'05"431 - Q3
6 - Esteban Ocon (Alpine-Renault) - 1'05"726 - Q3
7 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'05"879 - Q3
8 - Mick Schumacher (Haas-Ferrari) - 1'06"011 - Q3
9 - Fernando Alonso (Alpine-Renault) - 1'06"103 - Q3
10 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'13"151 - Q3
11 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'06"160 - Q2
12 - Alexander Albon (Williams-Mercedes) - 1'06"230 - Q2
13 - Valtteri Bottas (Sauber Alfa Romeo-Ferrari) - 1'06"319 - Q2
14 - Yuki Tsunoda (Alpha Tauri-Honda) - 1'06"851 - Q2
15 - Lando Norris (McLaren-Mercedes) - 1'25"847 - Q2
16 - Daniel Ricciardo (McLaren-Mercedes) - 1'06"613 - Q1
17 - Lance Stroll (Aston Martin-Mercedes) - 1'06"847 - Q1
18 - Guan Yu Zhou (Sauber Alfa Romeo-Ferrari) - 1'06"901 - Q1
19 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'07"003 - Q1
20 - Sebastian Vettel (Aston Martin-Mercedes) - 1'07"083 - Q1

Ultimo aggiornamento: 22:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA