Leclerc in pole position a Montecarlo
ma rompe la Ferrari contro il muro

Sabato 22 Maggio 2021
Leclerc in pole position a Montecarlo ma rompe la Ferrari contro il muro

Arriva nel Gran Premio di casa a Montecarlo la prima pole position stagionale per la Ferrari e per Charles Leclerc, che mette a segno il crono più veloce ad inizio Q3. Negli attimi finali della terza sessione di qualifiche il monegasco va a muro, costringendo i giudici di gara a dare le bandiere rosse e sospendere in anticipo le qualifiche, annullando quindi i tempi degli altri piloti che giravano per migliorarsi. Ad ogni modo un risultato clamoroso per il pilota della Rossa che domani si toglierà la soddisfazione di partire davanti a tutti nel Gp di casa sua. 

Secondo posto invece per la Red Bull di Max Verstappen, che in ottica mondiale è un lusso, dato che il rivale Lewis Hamilton non è riuscito a fare meglio di una magra settima posizione. Fa meglio il compagno di scuderia in Mercedes Valterri Bottas, che si piazza terzo mettendosi davanti all'altro ferrarista Carlos Sainz, che fino ad oggi ha avuto uno straordinario weekend nel principato tra prove libere e qualifiche. Ottimo decimo posto per l'italiano Antonio Giovinazzi, che mette la sua monoposto in decima posizione dopo essersi qualificato al Q3.

«FELICE PER POLE MA PECCATO CHIUDERE CONTRO IL MURO»
«È un peccato chiudere a muro, non c'è la stessa sensazione di gioia per questa pole ma sono comunque felice». Così Charles Leclerc a caldo dopo aver fatto con la Ferrari il migliore tempo nelle qualifiche del Gp di
Monaco, concluse però con un incidente contro le barriere. «È stata una pole molto difficile - ha proseguito Leclerc - anche perchè ero abbastanza emozionato ma nella Q3 sono riuscito a stare concentrato e abbiamo fatto una grossa sorpresa per tutti. La giornata importante però arriva domani, quando si fanno i punti, ma non dico niente, anche perchè qui di solito sono molto sfortunato». Il monegasco ha espresso qualche timore per i danni che la SF90 ha subito nello schianto, specie per quanto riguarda il cambio: «Sono un po' preoccupato, dobbiamo aspettare. Poi vediamo domani come va».

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA