L'Italia è d'oro nell'inseguimento:
il treno azzurro fa il record del mondo

Mercoledì 4 Agosto 2021
Ciclismo, Italia oro inseguimento al record del mondo (3'42''032). Ganna recupera 8 decimi negli ultimi 3 giri

Sesto oro per la delegazione italiana ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020, che arriva nel ciclismo su pista (inseguimento a squadre) grazie ad una straordinaria prestazione del quartetto azzurro Francesco LamonSimone ConsonniJonathan Milan e Filippo Ganna. Aggiornato ancora una volta il record del mondo, dopo una partenza sprint a cui ha fatto seguito una parte centrale a ritmi leggermente più bassi. Si arriva a tre giri dalla fine con la Danimarca che comanda, ma a quel punto è Filippo Ganna a prendere le redini della corsa e a recuperare negli ultimi 750 metri ben 8 decimi, trascinando i suo. Un altro successo d'oro per l'Italia, che incassa il 31° metallo a medagliere.

 

LA DIRETTA

- Tre giri fenomenali di Filippo Ganna, che recupera otto decimi di svantaggio e con i suoi fissa il nuovo record del mondo in 3'42''32

- Danimarca avanti a quattro giri dalla fine

- Ancora avanti gli azzurri, ma sfida equilibrata

- Italia avanti dopo tre giri (750 metri)

- Iniziato il primo giro

- - - - -

Italia in finale con record nel mondo nella prova maschile di inseguimento su pista a squadre ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Battuta la la Nuova Zelanda con lo stratosferico tempo di 3'42''307, primato mondiale  abbattuto di 2''3. Francesco Lamon, Simone Consonni, Jonathan Milan e Filippo Ganna staccano il pass per la finale che vale la medaglia d'oro. Altra medaglia sicura per l'Italia, la 30^ della spedizione. Menzione speciale per Filippo Ganna, che negli ultimi 3 giri ha letteralmente volato, trascinando i compagni a una furiosa rimonta.

 

Ultimo aggiornamento: 5 Agosto, 06:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA