CORONAVIRUS

Tokyo 2020, in Giappone è boom
di medici sportivi volontari ai Giochi

Martedì 18 Maggio 2021
Tokyo 2020, in Giappone è boom di medici sportivi volontari in vista dei Giochi

In Giappone è boom di medici volontari in vista delle Olimpiadi di Tokyo 2020. Infatti, quasi il doppio delle persone nel Paese si sono fatte avanti per le 200 posizioni di medici sportivi necessari durante le Olimpiadi e le Paralimpiadi. Lo ha riferito il Comitato organizzatore di Tokyo, segnalando che tutti i 395 volontari diventeranno operativi sui luoghi dove si svolgeranno i Giochi, nonostante il numero abbia superato di gran lunga il target iniziale. Per passare la selezioni i candidati dovevano possedere la licenza medica da almeno 4 anni e dimostrare di aver seguito i corsi della Associazione nazionale sportiva (Jsa).

Tokyo 2020, intesa tra Cio e Pfizer BioNTech per i vaccini anti Covid agli atleti olimpici

Le loro attività si concentreranno sui sevizi di pronto intervento durante i Giochi e lavori di consulenza all'interno del villaggio olimpico per le diverse selezioni dei Paesi che ne faranno richiesta. Il lavoro degli operatori equivale al volontariato e non sarà retribuito.

Tokyo 2020, primo contagio Covid alla staffetta della torcia olimpica: positivo un poliziotto

Gli organizzatori erano stati criticati lo scorso aprile per aver chiesto la disponibilità di 500 infermiere dall'associazione nazionale di categoria in anticipazione dell'evento sportivo, mentre non si attenua l'emergenza del Covid nel Paese, attraversato dalla quarta ondata del virus. Gli ultimi sondaggi confermano la forte contrarietà della popolazione ai Giochi, in primis a causa dei rischi associati sulla diffusione del virus e la carenza di personale medico nelle strutture ospedaliere e sul fronte della campagna vaccinale. La cerimonia di apertura delle Olimpiadi è prevista il 23 luglio.

 

Ultimo aggiornamento: 19:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA