Aktis Acquachiara-Pescara 14-10, il poker di Gargiulo affonda gli abruzzesi

«Bella vittoria», commenta il tecnico Walter Fasano

Michele Gargiulo, autore di un poker pesante
Michele Gargiulo, autore di un poker pesante
di Diego Scarpitti
Domenica 27 Novembre 2022, 08:00
3 Minuti di Lettura

Il poker di Michele Gargiulo, le triplette di Mattia Rocchino e Fabio Angelone, la doppietta di Erik Adam, le segnature di Daniele De Gregorio e Mattia Fortunato. Alla Scandone l’Aktis Acquachiara piega 14-10 il Pescara (parziali di 1-4, 4-1, 4-2, 5-3) e realizza quanto auspicato alla vigilia della quarta giornata di serie A2. Ovvero dare continuità di risultati. E cosi è stato. Due vittorie intervallate da un pareggio e un’unica sconfitta contro la capolista Roma Vis Nova, a punteggio pieno nel girone Sud

Reazione e riscossa a Fuorigrotta. Libera il suo urlo Gargiulo. «È stata una partita molto dura, non abbiamo avuto un buon approccio alla gara, abbiamo concesso troppo agli avversari in difesa e non siamo stati concreti in attacco», spiega il numero 9 biancazzurro. «Alla fine del primo periodo eravamo sull’1-4. Fortunatamente dal secondo tempo in poi abbiamo cambiato passo, siamo stati più concentrati in difesa, prendendo solo 6 reti negli ultimi 3 tempi», osserva il classe 2003, resosi protagonista del match.

«Siamo stati più cattivi in attacco, finalizzando le espulsioni a favore e partendo in contropiede», avverte, non nascondendo la sua piena soddisfazione. «Sono contento per la prestazione della squadra ma possiamo ancora migliorare su molti aspetti. Sono sicuro che, se continuiamo ad allenarci come stiamo facendo, potremmo fare un ulteriore salto di qualità», argomenta lo scatenato goleadeor. «È stato molto importante anche il ritorno di Erik: grazie alle sue qualità ci potrà dare una grossa mano in fase offensiva», assicura Gargiulo.

Terzo risultato utile della regular season e seconda vittoria interna consecutiva, dopo quella maturata ai danni della Lazio (13-12). Gli abruzzesi provano a riavvicinarsi, da segnalare la quaterna di Carlo Di Fulvio, che poi uscirà per limite di falli. Stefano Morretti para un rigore ad Angelone nel quarto periodo.  

 

«Bella vittoria», commenta il tecnico Walter Fasano. «Siamo partiti malissimo: 1-4 in favore del Pescara a fine primo quarto. Mi sono innervosito e ho dato una scossa ai ragazzi. Non esiste un approccio del genere. Poi tanti gol negli altri tre parziali», analizza in dettaglio le fasi dell’incontro il coach salernitano. «Sono contento, perché abbiamo fatto una buona partita. Finalmente abbiamo recuperato anche il centroboa ungherese Erik, che è andato a segno due volte». Prima doppietta in Italia per il pallanuotista magiaro.

«Bravo Davide Chianese all’esordio da titolare in porta, estremo difensore classe 2004. E’ andato tutto bene», ribadisce l’allenatore dell’Aktis. «Dobbiamo migliorare la fase difensiva, perché prendere 10 reti sono tante. Siamo contenti della vittoria, in quanto siamo partiti meglio rispetto allo scorso anno. Stiamo giocando veramente bene in fase offensiva», conclude Fasano (nelle foto di Gaetano Nardone-Mfsport). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA