Pescara-Canottieri Napoli 9-12
con il poker dello scatenato Confuorto

Gianluca Confuorto
Gianluca Confuorto
di Diego Scarpitti
Sabato 5 Novembre 2022, 22:15
2 Minuti di Lettura

«Buona la prima». Delle tre napoletane, tutte impegnate in trasferta, vince soltanto la Canottieri capitanata da Biagio Borrelli. E il centroboa di Ponticelli riserva parole d’affetto e di vicinanza al compagno assente. «Successo dedicato a Stefano Mauro: ci auguriamo di vederlo presto al nostro fianco», auspica fiducioso il numero 11 giallorosso. Si comportano bene i terribili ragazzi del Molosiglio alle Naiadi, dove battono il Pescara 9-12 (parziali di 2-2, 3-3, 2-3, 2-4).

Sfida a distanza con la Roma Vis Nova. Subito poker e tre punti griffati da Gianluca Confuorto. «Non era una partita facile, perché l’esordio nasconde sempre molte insidie», ammette il numero 5, che si unisce nell’analisi al leader del gruppo. «Avevamo due assenze importanti: Stefano Mauro e Daniele Cerchiara». Elementi indispensabili nello scacchiere di Enzo Massa. Abruzzesi avversari scomodi con il figlio e fratello d’arte Carlo Di Fulvio a dettare tempi di gioco, nonchè autore dello stesso score realizzativo di Confuorto. «Partita dai ritmi bassi. Siamo venuti fuori nell’ultimo quarto, dove abbiamo piazzato il break decisivo», asserisce il centrovasca classe 1998.

 

«Pescara è comunque un campo difficile», tiene a precisare Confuorto, che si è reso protagonista in acqua, trasformando due rigori e azionando altrettante controfughe. «Ringrazio la squadra», ribadisce l’umile giocatore della Canottieri. «Contratti all’inizio, abbiamo carburato alla distanza. Complimenti a Vincenzo Raia per la bella tripletta», conclude Confuorto (nelle foto di Gianluca Madonna). Il solito Gianluca Cappuccio si esalta tra i pali, parando il primo penalty stagionale. Buono il contributo della new entry Marcello Calì, a referto per la marcatura in Abruzzo.

Sabato 12 novembre (ore 18) il debutto alla Scandone con il Latina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA