Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coppa Italia, la Salernitana crolla
nella ripresa contro il Parma: 0-2

Domenica 7 Agosto 2022 di Enrico Vitolo
Coppa Italia, la Salernitana crolla nella ripresa contro il Parma: 0-2

La Salernitana crolla clamorosamente nella ripresa contro il Parma (0-2) allo stadio Arechi ed è costretta a salutare immediatamente la Coppa Italia. Ma se la sconfitta complica relativamente i piani, l’infortunio di Bohinen non fa altro che peggiorare la situazione. Il norvegese, infatti, al 31’ è costretto ad aggiungersi alla lunga lista di infortunati a causa di un problema al ginocchio. Proprio con l’uscita del regista granata cambia un po' la partita, perché fino a quel momento la Salernitana gioca una gara non solo gagliarda ma anche tatticamente e tecnicamente interessante nonostante le tante assenze. Dopo i primi minuti dove il Parma aggredisce alto e propone calcio, la squadra di Nicola caccia di fatto la testa dal guscio e comincia azione dopo azione a impossessarsi della partita. Quello che manca, però, è il gol: al 5’ un non positivissimo Botheim calcia debolmente, all’8 Coulibaly L. calcia sul fondo, al 18’ Kechrida dopo una lunga azione manovrata non inquadra lo specchio della porta per poco, al 29’ infine Fazio ci prova di testa su angolo di Kastanos ma non impensierisce più di tanto Chichizola che blocca in due tempi. 

Nicola deve rinunciare a Bohinen: poi però, come detto, la luce si spegne un po' con l’uscita del novergese. Il Parma allora ne approfitta e prova a rialzare il baricentro. La scelta ripaga perché i ducali, dopo essersi difesi con ordine, escono finalmente dalla propria metà campo, ma fatta eccezione per il tiro a giro di Man al 37’ che sfiora di pochissimo l’incrocio dei pali la Salernitana non è chiamata a soffrire. Ma per provare a riprendere il pallino del gioco, Nicola comincia la ripresa con la novità di Valencia nell’insolito ruolo di esterno sinistro al posto di Sy. Ma la mossa non paga. Pronti via e il Parma, infatti, spinge forte sul pedale dell’acceleratore creando più di qualche problema alla difesa granata che ci mette anche un po' del suo come al 50’ quando Fazio e Pirola consentono a Mihaila di calciare indisturbato dal limite dell’area di rigore ma la sua conclusione per fortuna è centrale e Sepe non deve far altro che respingere. 

Ci pensano Camara e Mihaila: ma più le lancette dell’orologio girano e più la situazione non migliora. Anzi. Al 57’ serve un po' di fortuna alla Salernitana per evitare di andare sotto nel punteggio, da angolo infatti prima Romagnoli colpisce la traversa e poi Man calcia incredibilmente fuori. Ma al 59’ neppure il Var può aiutare i granata che con il gol del neo entrato Camara sono costretti ufficialmente a rincorrere. Una rincorsa che terminerà senza raggiungere il traguardo e quindi la qualificazione al turno successivo di Coppa Italia. Il Parma, infatti, dopo aver sfiorato il raddoppio con Sohm al 67’ (Sepe respinge con il corpo), al 74’ chiude la pratica con la rete di Mihaila che non deve far altro che approfittare dell’involontario assist in scivolata di Capezzi e dell’ampio spazio che gli concede Mantovani. Qui in pratica finisce la partita, perché fatta eccezione per qualche sprazzo la Salernitana non ha la forza di rimettere tutto in discussione. Addio quindi alla manifestazione tricolore, ed ora testa esclusivamente al debutto in campionato di domenica prossima contro la Roma. Aspettando, ovviamente, i tanto attesi e fondamentali rinforzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA