Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cavani alla Salernitana, Iervolino:
«Se vuole la casa ad Amalfi l'avrà»

Mercoledì 25 Maggio 2022
Cavani alla Salernitana, Iervolino: «Se vuole la casa ad Amalfi l'avrà»

«Cavani è una suggestione venuta a noi quasi come un sogno. È un giocatore ambito dalle squadre più importanti d'Europa, vuole giocare la Champions, però le porte della Salernitana comunque restano aperte perché per me è un giocatore straordinario. E se vuole casa ad Amalfi decisamente l'avrà». Lo ha detto, a margine della festa a Napoli per i 130 anni de Il Mattino, Danilo Iervolino, presidente della Salernitana, confermando il sogno dell'attaccante uruguayano che ha lasciato il Manchester United a fine contratto.

«Non c'è stato - ha detto Iervolino - un contatto, io ho solamente espresso il mio grande apprezzamento perché lo ritengo la prima punta più forte in questo momento in circolazione. È svincolato, ama il nostro territorio, se non vuole più le pressioni di giocare una Champions League ma vuole stare in una città tranquilla, straordinaria, con una tifoseria unica, è una suggestione che accarezziamo. Per noi l'anno prossimo l'obiettivo è quello di avere una permanenza tranquilla e quanto più duratura possibile in Serie A. Stiamo pensando a una squadra soprattutto di giovani, ma anche di persone di esperienza». 

Iervolino ha commentato anche le tensioni che restano alte tra la tifoseria organizzata del Napoli e della Salernitana: «Una parte ridottissima - ha detto - delle tifoserie di Salernitana e Napoli ancora non ha smussato negli anni questa ostilità relativa esclusivamente a un tifo pacifico che condanna ogni tipo di violenza. Noi dobbiamo creare un ponte perché il Sud ha bisogno di coesione e noi presidenti dobbiamo essere particolarmente sensibili. Con De Laurentiis ci siamo impegnati a creare un ponte tra le due società, le due tifoserie, le due città nel rapporto fisiologico di una sana competizione».

Ultimo aggiornamento: 15:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA