Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Perotti, le lacrime della Salernitana:
domenica davanti alla televisione

Domenica 15 Maggio 2022 di Alfonso Maria Avagliano
Perotti, le lacrime della Salernitana: domenica davanti alla televisione

Paura, senza delirio, ad Empoli. La Salernitana l'avrebbe trasformata volentieri in Las Vegas, ma non ha avuto forza e fortuna. Due punti ora sul Cagliari e tre sul Genoa (quasi quattro, in virtù del vantaggio negli scontri diretti), entrambe giocano oggi. E poi, l'Udinese (che ieri ha perso 3-2 in casa contro lo Spezia) per chiudere. Davide Nicola è già lì: «Arriviamo all'ultima, come avevo previsto al mio insediamento. Giusto così, davanti al nostro pubblico. Dire che sarà una finale non sarà un luogo comune: è così e dobbiamo prepararci». Il secondo match point fallito, ma anche il settimo risultato utile di fila. Facce da funerale a fine partita in campo, Sabatini nel tunnel degli spogliatoi con lo sguardo nel vuoto, Perotti inconsolabile in lacrime. L'allenatore è stato il primo a trascinare tutti verso il pubblico. Cosa fare affinché questo 1-1 non sia percepito come un ko? «Non mi concentro su un discorso psicologico, l'unico pensiero dev'essere la voglia di raggiungere quello che vogliamo e domani (oggi, nda) sapremo cosa ci servirà» risponde il trainer, che confessa come passerà il pomeriggio: «Non mi siederò sul divano a guardare gli altri, non sono qui per gufare nessuno. Devo allenare e tifare per la mia squadra; mi concentrerò col mio staff e analizzeremo la partita contro l'Empoli. Solo alla fine vedremo i risultati delle concorrenti. Come è dura per noi, lo è per gli altri. Il calcio è questo, la sportività sta nell'accettare tutto e sono contento che la Salernitana abbia dovuto costruirsi il percorso contando solo sulle proprie forze. È la cosa più gratificante». Al pari di giocare con la folla immensa che ha invaso Empoli ieri. «Se c'è un perché tutti noi vogliamo raggiungere l'obiettivo, al di là di ciò che stiamo dimostrando sul campo, è soprattutto per vedere i sorrisi di questa gente straordinaria dice Nicola La vita è fatta di combinazioni, non coincidenze. Bisogna trovare la combinazione giusta, senza perdere di vista quanto di buono fatto. Non abbiamo mai accampato scuse, ci siamo sempre messi sotto a lavorare».

Primo tempo sotto tono, secondo più dinamico ma anche confuso e con tanti rischi. «Non era facile recuperare lo svantaggio. Nella prima frazione eravamo meno fluidi e fa parte del gioco, perché veniamo da una rincorsa straordinaria e abbiamo iniziato a vedere l'obiettivo più vicino: quando è così, ogni partita è sempre più difficile e la gestione di desideri ed emozioni diventa importante. L'aver subito gol ci ha sbloccato», afferma l'allenatore. Ha pesato, senza dubbio, l'assenza di Bohinen. «Non credo che un giocatore possa stravolgere un'intera squadra - risponde Nicola - La sua squalifica ci ha costretto a fare tante prove. Siamo partiti con Lassana in mezzo e dopo 20' eravamo contratti, al di là delle qualità del ragazzo. Dovevamo ruotare i centrocampisti e in seguito ho messo lì Ederson, che per qualità di palleggio ha capacità di smarcamento, può giocare a più tocchi e favorire i cambi gioco. Nel secondo tempo, l'avanzamento di Radovanovic ci ha dato più rapidità nel passare da un lato all'altro, bloccando i punti di riferimento centrali e concedendo più spazi sugli esterni. Potevamo fare di più, non ci siamo riusciti, ma almeno ci siamo tolti di dosso quel timore di dover rischiare che avevamo in avvio». Ma gli azzurri hanno anche rischiato di raddoppiare. «Abbiamo concesso delle ripartenze per mancanza di equilibrio aggiunge il tecnico Non abbiamo riconosciuto la necessità di mantenere il vertice basso a centrocampo. Io nel secondo tempo mi sono divertito, nel primo no. Non eravamo sbarazzini e liberi. Sappiamo cosa vogliamo, per ottenerlo dobbiamo fregarcene e pensare solo a esprimerci bene».

 

Così Andreazzoli, già salvo da due turni: «Avevamo un peso sulle spalle. Dovevamo essere seri e abbiamo dimostrato di esserlo molto più della media dell'ambiente calcio. Delle squadre sotto di noi stanno tribolando e sappiamo cosa vuol dire giocare le ultime gare col coltello alla gola. Siamo stati seri, appunto. Abbiamo giocato bene nel primo tempo e, se fossimo stati più precisi, avremmo potuto raddoppiare. Poi la partita è diventata pazza, tra squadre che volevano vincere: è lo spirito di questo gioco. Nicola? L'ho abbracciato prima di entrare, facendogli i complimenti: sta facendo un'impresa notevole, tutti davano per spacciati i granata e invece sono vivi e vegeti. Lui ha costruito una squadra difficile da affrontare. Non fa proprio quello che piace a me, però funziona». 

Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 14:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA