Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salernitana-Fiorentina 2-1
e i granata vedono la salvezza!

Domenica 24 Aprile 2022 di Enrico Vitolo
Salernitana-Fiorentina 2-1 e i granata vedono la salvezza!

Prima la Sampdoria, poi l’Udinese e ora anche la Fiorentina (2-1), nessuno più riesce a fermare la Salernitana di Nicola che ora può e deve credere davvero nella salvezza. Una vittoria, quella ottenuta contro i viola, che ha iniziato a prendere forma fin dallo scadere della gara della Dacia Arena di mercoledì. All’Arechi infatti i granata, privi di Radovanovic, sembrano spinti proprio dall’inerzia dell’ultimo successo. Specie in avvio, specie Verdi. Il numero 10 granata ritrova la maglia da titolare e nei primissimi minuti risponde immediatamente presente. Al 3’ strozza troppo la conclusione sul primo palo dall’interno dell’area di rigore, al 5’ ci prova direttamente dai venti metri con l’ex Terracciano che è bravo a deviare in angolo. Ma lo show della Salernitana, spinta da poco più di ventimila tifosi, è appena cominciato. Altri tre minuti e Verdi, dopo il cross di Zortea e il velo di Djuric, si imbuca nuovamente nella difesa viola, ma questa volta a negargli la gioia del gol è Igor con una deviazione provvidenziale. Al quarto tentativo, però, la Salernitana sblocca la partita. Con merito. Dal conseguente corner Bohinen mette il pallone esattamente sulla testa di Djuric che anticipa Igor e fa esplodere l’Arechi

La partita in diretta 

Saponara ristabilisce la parità in avvio di ripresa: al 15’ potrebbe arrivare anche il bis sugli sviluppi dell’angolo di Mazzocchi, ma questa volta il bosniaco nonostante lo stacco imperioso sfiora soltanto il palo.

Se da un lato c’è una Salernitana aggressiva e propositiva, dall’altro c’è invece una Fiorentina pigra e per nulla rapida nella circolazione di palla. Di fatto la brutta copia di quella ammirata per quasi tutta la stagione. Gli unici spunti interessanti nascono sempre dalla sinistra e quasi sempre per merito di Biraghi, ma è troppo poco per far tremare la squadra di Nicola che soffre il giusto su un paio di tentativi di testa di Cabral nel finale di primo tempo. Le cose, però, cambiano nella ripresa. La Salernitana, che perde Verdi per un acciacco fisico, si abbassa notevolmente ma soprattutto abbassa il ritmo dell’intensità, mentre la Fiorentina si appoggia costantemente sulla destra sull’ispirato Odriozola che pochi minuti dopo il suo ingresso in campo inizia a sfornare cross. Uno più importante dell’altro. Ma se al 61’ Nico Gonzalez calcia con poca convinzione, al 64’ Saponara è decisamente più lucido e così prima stoppa e poi calcia di precisione sul palo alla destra di Sepe riportando il punteggio sulla parità.

Decide Bonazzoli

Il gol viola ammutolisce l’Arechi ma non abbatte la squadra. Neppure un po'. Anzi, complice anche i cambi di Nicola, la Salernitana trova nuove energie e torna a fare il suo gioco. Dopo il gol giustamente annullato per fuorigioco al 74’ a Bohinen, in ritardo il filtrante centrale di Ribéry, ecco che al 79’ i volti nuovi granata costruiscono il gol del nuovo e decisivo vantaggio. Ma per centrare l’impresa è fondamentale anche l’apporto di Igor che al 79’ sul cross di Ruggeri prima stoppa con sufficienza il pallone nell’area di rigore piccola e poi si fa anticipare clamorosamente da Bonazzoli che di punta batte Terracciano regalando così la terza vittoria consecutiva alla Salernitana che mai nelle sue precedenti esperienze in Serie A aveva mai ottenuto così tanti successi di fila. E ora sognare è realmente possibile (nel prepartita le Forze dell'Ordine hanno evitato il contatto tra le due tifoserie). 

 

Salernitana (3-5-2) 

Sepe; Gyomber, Fazio, Ranieri; Mazzocchi, L. Coulibaly (29’ st Kastanos), Bohinen, Ederson, Zortea (29’ st Ruggeri); Djuric (29’ st Bonazzoli), Verdi (1’ st Ribery).

A disposizione: 72 Belec, 4 Jaroszynski, 5 Veseli, 14 Di Tacchio, 23 Dragusin, 28 Capezzi, 33 Delli Carri, 87 Mikael, 88 Perotti. All. Nicola.

Fiorentina (4-3-3) 

Terracciano; Venuti (14’ st Odriozola), Milenkovic, Igor, Biraghi (22’ st Terzic); Maleh (22’ st Callejon), Amrabat, Duncan; Gonzalez, Cabral (14’ st Piatek), Ikoné (1’ st Saponara).

A disposizione: 25 Rosati, 69 Dragowski, 2 Martinez Quarta, 5 Bonaventura, 33 Sottil, 55 Nastasic, 91 Kokorin. All. Italiano.

Arbitro: Massa di Imperia. 

Reti: 9’ pt Djuric, 19’ st Saponara, 33’ st Bonazzoli.

Note: ammoniti Gyomber e Milenkovic per gioco falloso. Calci d'angolo: 6-4 Salernitana. Recuperi: 4’ pt e 4’ st. Spettatori: 20.920 di cui 606 ospiti. 

Ultimo aggiornamento: 25 Aprile, 08:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA