Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Salernitana-Spezia 2-2: non basta
la doppietta su punizione di Verdi

Lunedì 7 Febbraio 2022 di Enrico Vitolo
Salernitana-Spezia 2-2: non basta la doppietta su punizione di Verdi

La vittoria tanto attesa non arriva, la Salernitana deve accontentarsi di un punticino al termine dello scontro salvezza con lo Spezia (2-2). A Colantuono (futuro a rischio?) non bastano neppure i sette volti nuovi nell’undici iniziale (Bonazzoli e Di Tacchio in tribuna). Tra di loro c’è ovviamente anche Verdi che diventa il grande protagonista del primo tempo, insieme al Var. Ma andiamo con ordine, per cui si parte dal numero dieci granata. Passano, infatti, appena tre minuti è l’ex Torino fa esplodere l’Arechi con una perfetta punizione dal limite dell’area di rigore. Un gol che, visto l’entusiasmo in campo e sugli spalti, sembra far dimenticare le problematiche legate alla classifica. Ma per poco, molto poco. Nonostante l’impatto traumatico, infatti, lo Spezia ha la capacità di non lasciarsi condizionare dallo svantaggio. Ma ad incidere per davvero è lo stop errato in area di rigore di Fazio che lo induce poi a commettere fallo su Erlic, per Valeri non è da fischiare ma con il supporto del Var dopo quattro minuti di attesa decreta il rigore che Manaj trasforma spiazzando Sepe. 

Decisivo ancora il Var: Un uno-duo che clamorosamente si ripete nei minuti successivi. Quasi da non crederci. Ma nessun déjà vu, semplicemente la realtà. Ed allora al 16’ riecco Verdi di nuovo protagonista su punizione, ma questa volta da posizione ancora più lontana, mentre al 30’ dopo altri quattro minuti di attesa nuovo rigore fischiato da Valeri con il supporto del Var (fallo di mano di Mousset) e nuova rete del pareggio ma questa volta segnata da Verde. Qui in pratica le vere emozioni finiscono. Complice di fatto una condizione fisica non ottimale da parte di molti calciatori, la Salernitana non può far altro che vivere di sprazzi. Come quelli di inizio ripresa quando i granata provano a rimettere nuovamente la testa avanti. La grandissima occasione, la più nitida di tutta la gara, capita a Kastanos al 48’, ma il cipriota svirgola in modo grossolano in area di rigore dopo una grande cavalcata di Mazzocchi sull’out di destra (l’ex Venezia tra i migliori in campo). 

Non basta l’ingresso di Perotti: Nei minuti seguenti ci provano anche Ribéry e Radovanovic, ma le loro conclusioni dalla distanza non creano veri problemi allo Spezia. Ed allora Colantuono, dopo aver inserito Djuric in avvio di ripresa, al 68’ fa esordire Perotti e Bohinen (successivamente anche Mikael). La stanchezza, però, si fa sentire sempre di più e la spinta non è così costante. Incisiva. Uno scenario che favorisce lo Spezia che prima ci prova con Gyasi al 73’ e poi al 75’ con la punizione di Manaj che, dalla stessa posizione del primo gol di Verdi, sfiora l’incrocio dei pali. Evitati guai peggiori, la Salernitana ormai stremata si affida nel finale a tanti lanci lunghi, ma che non bastano per trovare il gol della vittoria. Prima del recupero c’è un batti e ribatti in area di rigore degli ospiti non sfruttato, poi un rigore richiesto inutilmente dai granata ed infine una conclusione debolissima di Djuric. Alla fine, comunque, applausi da parte dell’Arechi alla Salernitana. 

La partita in diretta 

 

Salernitana (4-3-2-1)

55 Sepe; 30 Mazzocchi, 25 Dragusin, 16 Fazio, 19 Ranieri; 18 L. Coulibaly, 16 Radovanovic, 20 Kastanos; 10 Verdi, 7 Ribery; 99 Mousset.

A disposizione: 72 Belec, 4 Jaroszynski, 11 Djuric, 13 Ederson, 15 Bohinen, 21 Zortea, 22 Obi, 23 Gyomber, 24 Kechrida, 31 Gagliolo, 87 Mikael, 88 Perotti. All. Colantuono.

Spezia (4-3-3)

94 Provedel; 27 Amian, 28 Erlic, 43 Nikolaou, 13 Reca; 7 Sala, 14 Kiwior, 25 Maggiore; 11 Gyasi, 9 Manaj, 10 Verde.

A disposizione: 1 Zoet, 40 Zovko, 8 Kovalenko, 15 Hristov, 17 Podgoreanu, 18 Nzola, 21 Ferrer, 22 Antiste, 29 Salcedo, 33 Agudelo, 39 Nguiamba, 44 Strelec. All. Thiago Motta.

Arbitro: Valeri di Roma. 

Ultimo aggiornamento: 23:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA