​Ascoli, licenziato il tecnico Stellone:
«A causa del virus costava troppo»

Giovedì 16 Aprile 2020
Alla luce delle difficoltà economiche e all'incertezza sulla ripresa del campionato di serie B dettate dall'emergenza coronavirus, l'Ascoli calcio ha ufficializzato la «risoluzione unilateralmente del rapporto contrattuale» con l'allenatore Roberto Stellone (arrivato a febbraio in sostituzione di Paolo Zanetti) e il suo staff per intervenuta eccessiva onerosità anche in relazione alla durata dei rispettivi contratti. L'Ascoli ha ufficializzato di aver affidato la panchina al tecnico della formazione Primavera Guillermo Abascal. Il club marchigiano ha motivato la decisione riferendosi alle «straordinarie e non prevedibili vicende del virus Covid-19» aggiungendo che «tale condizione ha spinto la società ad adottare dei provvedimenti in ambito dei rapporti contrattuali in essere con i vari atleti e staff, al fine di salvaguardare anche la continuità aziendale rispetto alla situazione contingente che stiamo vivendo».

«Tenuto conto che l'Ascoli Calcio ha tuttora in essere un contratto di prestazione sportiva con mister Zanetti, nonché con il relativo staff, da qui, la necessità da parte della società di adottare misure di contenimento dei costi in ragione delle condizioni oggettive venutesi a creare per eventi imprevedibili e circostanze eccezionali, che configurano la cosidetta 'causa di forza maggiorè».
© RIPRODUZIONE RISERVATA