Attacco Benevento, duello Sau-Moncini
out Pastina e La Padula contro il Lecce

Mercoledì 8 Settembre 2021
Attacco Benevento, duello Sau-Moncini out Pastina e La Padula contro il Lecce

Luigi Trusio
Nel big match di venerdì sera contro il Lecce, potrebbe esserci più di una novità rispetto alla formazione che ha affrontato il Parma. Il test col Napoli ha rilasciato positive indicazioni a Caserta non solo sul piano della manovra, ma anche su quello delle prestazioni collettive e dei singoli. Il Benevento avrà due assenze certificate, ovvero quelle di Pastina, che non ha ancora del tutto smaltito il guaio al piede, e di Lapadula, che nella notte precedente sfiderà il Brasile a Recife col suo Perù in un altro match valido per le qualificazioni alla Coppa del Mondo del 2022 in Qatar. Da valutare l'impiego di Glik, mentre per Ionita non dovrebbe esserci alcun problema. Il moldavo ieri sera non ha incrociato le Isole Far Oer a causa di una squalifica (per via del cartellino giallo rimediato nella precedente gara contro la Scozia, era diffidato) e ne ha quindi approfittato per lasciare anzitempo il ritiro della sua nazionale (risparmiandosi così un viaggio di ritorno oltremodo scomodo con più scali aerei e recuperando almeno due giorni sulla tabella di marcia).
Ionita è a Benevento già dalla tarda serata di lunedì e ieri ha partecipato pure alla leggera sgambatura post derby che hanno effettuato i suoi compagni di squadra. Lavoro defaticante sul campo e di prevenzione in palestra per chi ha giocato al «Maradona», mentre chi non è stato impegnato o chi è stato impegnato per pochi minuti ha svolto lavoro di prevenzione più lavoro di forza in palestra. Non si potrà dire lo stesso per Glik, che stasera si augura di essere protagonista nello scontro diretto con l'Inghilterra a Varsavia. Il polacco si imbarcherà solo nella mattinata di domani e dunque non è ancora certo se riuscirà a partecipare alla seduta programmata, altrimenti gli toccherà partecipare unicamente alla rifinitura di venerdì mattina. Sul suo impiego con i salentini deciderà l'allenatore dopo averci parlato e averne valutato le sensazioni. Caserta con la formazione messa in campo nell'amichevole contro gli azzurri si è comunque tutelato, provando Acampora nel centrocampo a due con Calò e Vogliacco accanto a Barba da centrale difensivo. Tutti e due si sono disimpegnati molto bene e dunque l'alternativa nel caso volesse far riposare Ionita o Glik non fosse in grado di scendere in campo è già apparecchiata. Acampora è rimasto sul terreno di gioco per 58' e sta gradualmente ritrovando la migliore condizione. Il tecnico potrebbe pure prevedere una sorta di staffetta tra lui e Ionita. Vogliacco ha invece giocato per 66 giri di lancetta e dimostrato di avere comunque sufficiente tenuta atletica. Stesso minutaggio per Moncini, che si candida per una maglia da titolare. L'attaccante non è andato a segno ma ha colpito una traversa e si è mosso bene tra Manolas e Juan Jesus. L'impressione è che, nonostante il rientro di Di Serio dagli impegni con la nazionale Under 20, sarà ballottaggio tra Sau e Moncini per il ruolo di terminale offensivo.
LE MANOVRE
Si marcia spediti, infatti, verso la riconferma del 4-2-3-1, considerato che Caserta non ha ancora avuto il tempo (e soprattutto gli uomini a disposizione) per perfezionare il 4-3-3 oltre che studiarne meccanismi e accorgimenti. La novità sostanziale apportata all'assetto che ha opposto al Napoli è stata l'inedita posizione di Improta da trequartista alle spalle della punta, con Insigne mai veramente a suo agio in quella zona, riportato largo a destra in una porzione di campo ben più congeniale alle sue caratteristiche. Questo nuovo allineamento dei tre rifinitori consente di schierare Elia a sinistra e quindi di sfruttare i due esterni offensivi entrambi col piede invertito. Al «Maradona» si sono visti già i benefici, con il Benevento che è arrivato molto più spesso a concludere verso la porta a differenza delle uscite precedenti, e non solo perché si trattava di un'amichevole. La proprietà di palleggio e l'iniziativa saldamente tra i piedi contro Spal, Alessandria e Parma non erano mai sfociate in tante occasioni da rete. Pertanto è ipotizzabile che Caserta contro il Lecce possa avere idea di replicare la stessa disposizione che prevede Improta centrale con Insigne e Elia ai suoi lati.
LA PREVENDITA
Nel frattempo procede spedita la prevendita dei tagliandi per l'anticipo del terzo turno: solo ieri sono stati emessi 518 tagliandi che portano il totale a 2367 presenze assicurate (115 da Lecce) alle 19 di ieri.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA