Il Benevento saluta Armenteros:
il bomber ceduto al Crotone

Giovedì 30 Gennaio 2020 di Luigi Trusio
Dopo gli ingaggi di Moncini e Barba, il Benevento ha definito l'ultima operazione, stavolta in uscita. Samuel Armenteros è al passo d'addio: lo svedese di origine caraibica si trasferisce al Crotone a titolo definitivo. L'attaccante, chiuso dall'arrivo di Moncini e dalla imprescindibilità di Coda, lascia il Sannio dopo tre mezze stagioni in chiaroscuro. Prelevato dagli olandesi dell'Heracles Almelo nell'estate del 2017 per un milione e mezzo di euro, la punta a fronte dell'ingaggio percepito non ha mai convinto del tutto. Quest'anno per lui 12 presenze e 2 reti, mentre complessivamente l'esperienza nel Sannio gli ha fruttato 36 presenze e 7 reti in tre semestri, due in B e uno in A con l'intermezzo dell'annata in Mls con i Portland Timbers da 28 caps e 8 gol. Armenteros già ieri ha salutato la squadra e oggi è atteso in Calabria per sostenere il primo allenamento con i nuovi compagni e firmare il contratto che lo legherà al club pitagorico fino al 2022. In rossoblù sostituirà Luca Vido (andato al Pisa) e con lui dovrebbero arrivare anche il mediano Capezzi dagli spagnoli dell'Albacete e il laterale destro Casasola dalla Lazio.

Il Benevento, dunque, sfoltisce la rosa ma non dovrebbe intervenire nuovamente sul mercato, visto che con l'innesto di Moncini il reparto avanzato può considerarsi completo. Sulla carta due prime punte bastano e avanzano a Inzaghi, e in più ci sono Sau - che in passato ha già ricoperto quel ruolo - e il giovane Di Serio, sulla cui crescita il club punta molto. Nel calciomercato non si può mai dar nulla per scontato e le sorprese sono dietro l'angolo, ma non sembra questa la fattispecie. Il diesse Foggia tuttavia, da attento stratega quale si sta rivelando, potrebbe fare ugualmente un blitz a Milano per questi ultimi due giorni, se non altro per intessere relazioni e avviare discorsi in prospettiva futura.

SuperPippo, intanto, è totalmente concentrato sul derby di domenica che si avvicina. L'orientamento che prevale è quello di una riconferma dell'ormai collaudato 4-3-2-1 con il ritorno di Kragl, che dovrebbe prendere il posto di Insigne come rifinitore destro. Ma il 4-4-2 rimane una suggestione che tenterà Inzaghi fino all'ultimo: un sistema di gioco che i giallorossi si preparano tuttavia ad adottare in corsa, come già accaduto nella quasi totalità delle precedenti uscite. D'altro canto la versatilità del modulo ad albero di Natale e la poliedricità di alcuni calciatori consentono al tecnico piacentino di mutare repentinamente l'assetto del suo Benevento senza particolari traumi. Ieri all'«Imbriani» doppia seduta per Maggio e compagni. In mattinata, esercizi in palestra e attività atletiche sul campo, nel pomeriggio focus tecnico-tattico. Programma di recupero personalizzato per Tuia e Tello, che non ci saranno. La squadra riprenderà il lavoro questa mattina. Nel frattempo l'Associazione Italiana Calciatori ha fatto tappa a Benevento per premiare il centrocampista giallorosso Nicolas Viola. Il numero 10 ha ricevuto da Danilo Coppola, rappresentante di zona dell'Aic, una targa-trofeo quale «Calciatore del mese Aic Dicembre 2019» per la B. Un riconoscimento «alle grandi doti tecniche e fisiche fuori scala per la serie cadetta». Con 6 gol (di cui quattro realizzati nel mese di dicembre), tre assist e un dominio in tutte le fasi di gioco, il talento calabrese si è distinto in questa prima parte di stagione. Lo scorso 6 dicembre al «Vigorito» contro il Trapani ha siglato la sua prima tripletta chiusa con uno dei gol più belli del 2019 in B.

Intanto la Lega di Serie B ha reso noti gli anticipi e i postici per le giornate di campionato che vanno dalla settima all'undicesima di ritorno. Il Benevento giocherà sabato 29 febbraio alle 15 in casa contro lo Spezia, andrà in trasferta al «Renato Curi» di Perugia nel turno infrasettimanale di martedì 3 marzo, alle 21, giocherà ancora una volta di domenica, e in notturna (alle 21) sia in casa contro il Pescara l'8 marzo che il successivo 15 marzo allo «Zini» di Cremona. Per l'altra gara esterna, la seconda di fila dopo quella contro i grigiorossi, gli uomini di Inzaghi torneranno a giocare il sabato alle 15 al «Castellani» di Empoli. Seguirà la sosta per le nazionali nel weekend del 28 e 29 marzo e si riprenderà con l'altro derby, quello con la Juve Stabia, che si disputerà al «Ciro Vigorito» sabato 4 aprile alle 15. Ultimo aggiornamento: 14:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA