Benevento verso il boxing day,
Inzaghi pensa al turnover massiccio

Martedì 24 Dicembre 2019 di Luigi Trusio
A Verona spazio al turnover. C'è il rischio che tre gare in otto giorni si facciano sentire oltremodo, per cui Inzaghi nel boxing-day è orientato ad applicare qualche rotazione e far rifiatare almeno un paio di calciatori. Pronti a scaldare i motori Tuia, Improta, Armenteros e uno tra Tello e Insigne. Turnazione non vuol dire rivoluzione: dello zoccolo duro forse solo Christian Maggio e uno tra Hetemaj e Nicolas Viola potrebbero rimanere a riposo mentre dovrebbero essere riconfermati i vari Montipò, Caldirola, Letizia, Schiattarella e Coda. La prima certezza è che «Riccardino» Improta, alla luce delle ultime confortanti prestazioni da subentrato, ha già cucita addosso una maglia da titolare. A lasciargli il posto potrebbe essere proprio Nicolas Viola, che SuperPippo sta pensando di fermare per un turno, visto che finora è stato sempre in campo senza mai staccare la spina. L'alternativa è quella di dare un po' di respiro a Hetemaj, che però è già rimasto fuori per squalifica a Livorno. Ne verrebbe una mediana ridisegnata a quattro, con Improta che potrebbe sistemarsi sia a sinistra (opzione più gettonata) che a destra. Più indizi fanno una prova che lascia presagire un temporaneo ritorno al 4-4-2. Riposerà anche Kragl, con Tello e Insigne a contendersi il ruolo di esterno destro, mentre Hetemaj e Schiattarella agirebbero da centrali. In avanti Armenteros tornerà nell'undici iniziale con Coda e Sau in lizza per affiancarlo. In difesa c'è la possibilità di rivedere Tuia da centrale con Antei a destra e capitan Maggio a godersi un pomeriggio di relax. Ma in ultima analisi potrebbe anche esserci l'avvicendamento diretto Antei-Tuia, con Maggio che resterebbe al suo posto. Inzaghi ha ancora qualche giorno per decidere il da farsi: quando c'è una simile abbondanza fare le scelte è sempre difficile, per cui il tecnico piacentino preferisce prendersela comoda e valutare ogni singolo dettaglio prima di operare la selezione decisiva. Quel che è scontato è che al «Bentegodi» ci saranno minimo un paio di novità di formazione e, probabilmente, anche un cambio di modulo conseguente sia all'utilizzo di alcuni calciatori che al break concesso ad altri. SuperPippo ha sempre sostenuto e sottolineato l'importanza di chi sta giocando meno. «Meriterebbero tutti più spazio» va ripetendo in conferenza, un ritornello di cui non fa un uso strumentale o adulatorio bensì un assunto in cui crede veramente. Con 9 punti di vantaggio sulla seconda e 14 sul drappello di terze Inzaghi ha l'occasione propizia per dare un chance a chi se l'è meritata accettando la panchina senza mai lamentarsi, allenandosi sempre con impegno e diligenza, facendosi trovare pronto anche per pochi minuti quando si tratta di entrare in corsa.

Nel frattempo continua a lievitare il dato della prevendita per il match di Santo Stefano col Chievo: sono già oltre 150 i tagliandi acquistati dai tifosi giallorossi per il settore ospiti (ovvero la Curva Sud Superiore A, B e C), un dato più che incoraggiante se si considera che si giocherà alle 15 di giovedì in piene festività natalizie. E non finisce mica qui: ci sarà la possibilità di dotarsi del ticket fino alle 19 di mercoledì 25 dicembre, e quindi ci sono ancora due giorni a disposizione per incrementare il numero di presenti. Da una prima proiezione si può dire che quota 200 verrà superata agevolmente e che c'è la concreta possibilità che si oltrepassi anche la soglia dei 250. Davvero non male come afflusso e soprattutto come garanzia che Caldirola e compagni dopodomani non saranno soli.

Il sostegno del pubblico sarà fondamentale in una giornata che riserverà altri scontri diretti oltre a quello che vedrà protagonista il Benevento. Incroceranno le lame Frosinone-Crotone, Salernitana-Pordonene e Ascoli-Pisa. La Lega di B ha intanto comunicato il calendario dei primi sei turni del 2020 (per i giallorossi tre sfide di domenica alle 21 e tre di sabato alle 15): dopo la sosta, il Benevento riprenderà domenica 19 gennaio in casa col Pisa alle 21, poi andrà in trasferta a Cittadella sabato 25 gennaio alle 15. Il derby con la Salernitana si giocherà al «Ciro Vigorito» domenica 2 febbraio alle 21. Domenica 9 febbraio (ore 21), invece, i giallorossi andranno a Cosenza, poi sabato 15 alle 15 il big-match interno col Pordenone. Infine sabato 22, alle 15, a Chiavari contro l'Entella. © RIPRODUZIONE RISERVATA