Juve Stabia, Buchel: «Dimentichiamo
Chiavari, nel mirino c'è il Frosinone»

Martedì 3 Dicembre 2019 di Gaetano D'Onofrio
La prima volta in gialloblù di Marcel Buchel, approdato dall’Empoli alla Juve Stabia, un battesimo da archiviare quanto prima, per lo stop del gialloblù a Chiavari. All’indomani dell’esordio, il centrocampista scopre le carte e si candida, da uomo esperto e navigato, ad un ruolo di assoluto protagonista con la nuova maglia: “Sono contento per l’esordio – queste le sue prima parole da stabiese -, al di là della sconfitta. Tornavo in campo dopo mesi, e questo è stato importantissimo a livello personale. Dispiace per il risultato, ma questa è una squadra di carattere che può sicuramente rialzarsi”. Dalla serie A al passo indietro in B, ma per il centrale contano soprattutto le motivazioni: “Ovviamente dispiace non essere in A – spiega -, ma la Juve Stabia non è certo un ripiego. Ringrazio la società e spero di ripagare la fiducia sul campo”. Con Caserta un’amicizia di vecchia data: “Un allenatore capace – ribadisce Buchel -, mi piace il suo modo di intendere il calcio. Ovviamente ho bisogno di tempo per integrarmi anche nel modulo, e di recuperare smalto e condizione, ma sono convinto che ci toglieremo belle soddisfazioni con i compagni”. Domenica la prima al Menti col Frosinone: “Un avversario forte, ma ho visto quanto può dare il Menti, è in casa che dobbiamo costruire la nostra salvezza”. © RIPRODUZIONE RISERVATA