Juve Stabia, Canotto confessa:
«Mi mancano le strigliate di Caserta»

Sabato 11 Aprile 2020 di Gaetano D'Onofrio
Lontani ma vicini, i calciatori della Juve Stabia cercando di tenere alto il morale nonostante l’isolamento e la lontananza dai campi di calcio. Gigi Canotto, uno dei protagonisti degli ultimi tre anni della squadra gialloblù è intervenuto telefonicamente ad una trasmissione rigorosamente on line dedicata alla squadra di Caserta: “Stare lontani dal campo non è facile per nessuno – queste le sue parole -, ma grazie ai consigli dello staff tecnico stiamo cercando un po’ tutti di mantenere la condizione fisica. L’obiettivo di tutti, ora più che mai, è cercare di arrivare in fondo a questa stagione, e di mantenere la categoria, un traguardo troppo importante per la città e per il club”. Croce e delizia di Fabio Caserta, l’esterno stabiese sente più di tutti la mancanza degli allenamenti: “Stare un mese senza la voce del mister è dura, ma quando riprenderemo, ne sono certo, si farà sentire, ed allora sarà ancora più dura per tutti”. Il suo futuro lo vorrebbe un altro anno a Castellammare, eppure qualche sirena dalla A era arrivata: “Per ora sto bene, quando giro per la città rivivo le emozioni dell’ultimo anno, del ritrovo in villa per la promozione. Ho ancora un anno di contratto, saranno i dirigenti a decidere del mio futuro. Qui sono cresciuto tanto, e spero di migliorare ancora”. © RIPRODUZIONE RISERVATA