L’Empoli affonda la Salernitana:
2-4 all’Arechi, ko dopo 15 gare

Venerdì 24 Luglio 2020 di Enrico Vitolo
Dopo quindici risultati utili consecutivi la Salernitana deve sventolare bandiera bianca allo stadio Arechi. Lo fa nella partita più importante, contro l’Empoli finisce 2-4. Come da copione Ventura cambia nuovamente spartito affidandosi questa volta al 3-4-1-2 con Maistro nel ruolo di trequartista e i rientranti Jaroszynski e Dziczek soltanto in panchina. Dopo il tentativo di Ciceretti al 14' che Micai respinge con i pugni, al 24' la Salernitana fa andare in discesa la partita con Gondo. L'ivoriano si divincola di Maietta, supera Brignola con un pallonetto e poi appoggia in rete prima del possibile recupero di Romagnoli. Ma dopo appena quattro minuti la discesa è già finita. Anzi in poco tempo diventa una salita complicatissima. Merito soprattutto di Bajrami che al 28' con un destro a giro sul secondo palo ridà il pareggio all'Empoli e poi al 40' con un nuovo tiro da fuori area che Micai buca ribalta il punteggio. Altri tre minuti e la situazione peggiora ulteriormente. Al 43, infatti, Ciceretti torna a rendersi pericoloso ma questa volta non da scampo al numero uno granata.
 
L’1-3 manda completamente in crisi la Salernitana che dal gol in poi è praticamente incapace di dare qualsiasi tipo di segnale di ripresa. L’unico sussulto è quello del 59’ quando, dopo il fallo di Pinna commesso su Gondo in area di rigore, Djuric sembra ridare vita ai granata con il rigore che riapre di fatto la partita. L’Empoli, però, non molla e continua a giocare senza paura. Dal 67’ al 77’ Ventura butta nella mischia Kiyine, Jallow e Giannetti, ma serve a poco. Meglio, a nulla. E così dopo qualche inutile tentativo offensivo, all’85’ la Salernitana perde qualsiasi speranza quando Mancuso fulmina per la quarta volta Micai chiudendo così con qualche minuto di anticipo la gara dell’Arechi che complica inevitabilmente i piani della squadra granata che conserva un posto nei playoff ma con appena un punto di vantaggio sul nono posto.   Ultimo aggiornamento: 23:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA