La Salernitana inizia l'anno
con il ko casalingo contro il Pordenone

Lunedì 4 Gennaio 2021 di Enrico Vitolo

Dopo aver chiuso nel peggiore dei modi il 2020, la Salernitana parte con il piede sbagliato anche nel 2021. All'Arechi, complice la doppia superiorità numerica, il Pordenone si impone grazie ai gol di Barison e Diaw. Reduci dalla scoppola di Monza, i granata provano però sin da subito a mettere le cose in chiaro partendo in quinta. La punizione di Cicerelli e il tiro di Tutino nei primi venti minuti di gioco non bastano a spiegare la costante spinta offensiva. Nel mezzo, comunque, gli ospiti ci provano con il colpo di testa di Barison sul cross di Calò. Al 22', invece, la Salernitana torna a rendersi pericolosa con una conclusione dal limite di Capezzi che sfiora il palo. Tempo dieci minuti e proprio il centrocampista ex Samp diventa a tutti gli effetti il protagonista della partita, tutta colpa del rosso inflitto dal direttore di gara Rapuano per un'entrata su Barison contestata dal resto della squadra. Altri tre giri di lancette e rientra con netto anticipo negli spogliatoi anche Castori. Il Pordenone, intanto, prende fiducia e inizia a salire di giri nella qualità del gioco.

In chiusura di primo tempo ci provano senza fortuna Zammarini e Diaw, mentre in avvio di ripresa per due volte Curria. Al 64', invece, torna a farsi pericoloso Diaw ma il suo colpo di testa finisce tra le braccia di Belec, cosí come quello di Musiolik al 70'. Nonostante l'inevitabile sofferenza la Salernitana tiene tuttavia botta, ma non basta. Al 73', infatti, il Pordenone passa in vantaggio: cross dalla destra su punizione e Barison svetta tra Kupisz e Di Tacchino gelando i granata. La reazione é affidata ai nuovi entrati Anderson, Gondo e Schiavone, ma di fatto non inizia mai. Questo perché all'80' la situazione si complica ulteriormente per colpa dell'espulsione rimediata da Di Tacchio, al 94' poi arriva la definitiva conferma con il raddoppio firmato da Diaw. Un ko che ha indotto la società a non far parlare nessun tesserato nel post partita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA