Salernitana, il sogno dista soltanto
una vittoria: play off si decide stasera

Venerdì 31 Luglio 2020 di Eugenio Marotta
Dentro o fuori: è il momento della verità. Una vittoria per sognare. Un qualsiasi altro risultato per chiudere in maniera anonima il campionato cadetto. Stasera, la Salernitana ospita lo Spezia all'Arechi e si gioca i playoff nell'ultima gara della regular season. Ventura pensa all'ennesima rivoluzione e tra i convocati si rivede Alessio Cerci. Soltanto vincendo, i granata saranno certi di un posto al sole che potrebbe valere il terzo e ultimo posto utile per la promozione in massima serie. Conquistando i tre punti contro la terza forza del torneo di Serie B, infatti, la compagnia di Ventura staccherà il biglietto per la post season a prescindere dai risultati provenienti dagli altri campi. La Salernitana, del resto, non ha altre alternative. Neanche un pareggio, infatti, potrebbe bastare. Mentre con i tre punti la compagnia di Ventura dovrebbe soltanto capire in quale posizione della griglia playoff si ritroverebbe (complici la classifica e gli incroci che ha riservato il calendario proprio all'ultima giornata). All'Arechi sarà partita vera. Lo Spezia, infatti, farà il possibile per blindare il terzo posto in classifica (che significherebbe tanto in ottica spareggi) dagli assalti del Pordenone impegnato allo Zini sul campo della Cremonese già salva che insegue e insidia i liguri ad una sola lunghezza di distanza.

«Quella di stasera è la gara più importante di tutte perché ci da la possibilità di entrare ai playoff ha dichiarato ieri Gian Piero Ventura sulle colonne del sito ufficiale granata Incontreremo la terza in classifica ed è chiaro che, come già detto per altre partite, una posta in palio così importante la si può ottenere soltanto centrando una grande prestazione». Per farlo, il tecnico immagina l'ennesima rivoluzione. A partire dal delicatissimo ruolo del portiere. Le quotazioni di Vannucchi, infatti, restano in crescita ed il numero uno potrebbe nuovamente sostituire il «titolare» Micai tra i pali granata come già fatto lunedì scorso a Trieste contro il Pordenone. L'ex Alessandria si è ben disimpegnato ogni qual volta lanciato nella mischia e Ventura potrebbe ancora preferirlo a Micai. Staremo a vedere. In difesa, invece, si profila una linea a quattro con Karo sulla destra, il ritorno di Migliorini e uno tra Aya e Jaroszynski (che è diffidato) al centro del pacchetto arretrato. Il rientrante Lopez (che ha scontato il turno di squalifica dopo l'espulsione rimediata con l'Empoli) è in vantaggio su Curcio per presidiare l'out mancino. Novità anche a centrocampo con i ritorni di Akpa Akpro e Kiyine tra i titolari (il primo aveva rifiatato, il marocchino ha scontato il turno di squalifica) come dioscuri a capitan Di Tacchio (ancora favorito su Dziczek che con il Pordenone ha giocato sottotono). Leggermente più avanti potrebbe agire Maistro pronto ad imbeccare il tandem offensivo composto da Gondo e Djuric. Toccherà a loro due provare a scardinare la retroguardia spezzina. «Lo Spezia è la terza squadra del campionato: ha dimostrato di avere dei valori importanti ed è chiaro che le difficoltà di partite come queste sono consequenziali al valore dell'avversario», ha proseguito la sua analisi Ventura, parlando dell'avversario di turno. Il trainer granata, però, suona la carica. «Dal canto nostro dovremo fare una gara impregnata di serenità, personalità e determinazione. Sono le tre cose fondamentali».

Tre elementi per tre punti fondamentali in ottica playoff. In caso di successo, la Salernitana giocherà martedì o mercoledì prossimo il turno preliminare degli spareggi promozione in una partita secca in casa della meglio piazzata in classifica a seconda che si sia piazzata dal quinto (ipotesi più ottimistica) all'ottavo posto. Stasera contro lo Spezia, i granata indosseranno la maglia di gioco con il logo dell'Associazione Bambino Gesù del Cairo che si occupa della realizzazione dell'Orfanotrofio Oasi della Pietà nella capitale egiziana (un progetto promosso da Papa Francesco). Le maglie saranno autografate dai calciatori granata e messe all'asta sul sito www.charitystars.com. Il ricavato sarà devoluto per la costruzione dell'Orfanotrofio.

Ieri intanto nell'assemblea della Lega B sono state decise le date di inizio e fine del prossimo campionato cadetto. Si parte il 26 settembre prossimo con la prima di campionato e si chiude il 7 maggio 2021 per lasciare spazio agli Europei. La Lega B, inoltre, ha deciso che anche il campionato cadetto osserverà un turno di stop concomitante gli impegni della Nazionale di Mancini. Giocoforza aumenterà il numero dei turni infrasettimanali in serie cadetta. Ultimo aggiornamento: 14:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA