Il Benevento adesso alza la voce:
«La serie A è un diritto acquisito»

Lunedì 6 Aprile 2020 di Luigi Trusio
benevento vigorito
«Portare a termine i campionati equivarrebbe anche a dare un segnale incoraggiante a milioni di appassionati. L’Italia può e deve ripartire anche attraverso il calcio che rappresenta la terza industria del Paese. La Serie A? Ci piacerebbe conquistarla giocando, perché ottenere la promozione senza poter gioire con i nostri tifosi sarebbe un peccato. Ma se non fosse possibile, nessuno potrà sottrarcela. È un diritto acquisito sul campo». A cuore aperto, Pasquale Foggia fotografa la stagione del Benevento tra opportunità e prospettive, sosta forzata e tagli agli stipendi. 

Per la ripartenza non c’è alcuna data certa, ma governo e Figc stanno per stilare un protocollo con lo staff medico scientifico: sanificazione dei centri sportivi, tamponi ogni tre giorni ai giocatori con test anche ai familiari conviventi e maxi-ritiro quarantena per gli allenamenti e per i 45 giorni su cui spalmare le restanti 10 giornate, da disputare a porte chiuse. «Sono ipotesi estreme ma necessarie per programmare una ripresa graduale - spiega il direttore sportivo giallorosso - e, allo stesso tempo, salvaguardare la salute di calciatori, tecnici e addetti ai lavori. La speranza è che si possa tornare presto alla normalità, ma sappiamo bene che nell’immediato ci saranno alcune prescrizioni da osservare. Sarà una scelta dolorosa, ma forse è l’unica strada percorribile per tutelare il sistema calcio. E non mi riferisco ai calciatori dai guadagni milionari, ma a tutto l’indotto che ruota intorno». © RIPRODUZIONE RISERVATA