Tensione Juve Stabia: il sindaco
convoca i soci Manniello e Langella

Martedì 26 Maggio 2020 di Gaetano D'Onofrio
L’emergenza epidemiologica prima di tutto, ma il calcio, specie in una città come Castellammare che cerca il suo definitivo rilancio da ogni settore, è sempre al centro dell’attenzione. Anche della politica. Così, nelle ultime ore, a tentare di fare da paciere e ricostituire quell’accordo idilliaco che aveva portato la Juve Stabia in serie B, all’indomani dello scontro tra i due soci, Manniello e Langella, è intervenuto il sindaco Gaetano Cimmino. Il primo cittadino ha invitato i due dirigenti ad un incontro che potrebbe avvenire nei prossimi giorni, sicuramente prima del week-end, per cercare di ricompattare la società: “La Juve Stabia è un bene comune della città, e dobbiamo salvaguardarla. Come Amministrazione ci siamo prodigati per restituire alla squadra il Menti per la ripresa degli allenamenti, abbiamo in programma ulteriori miglioramenti all’impianto, mantenere la serie B è fondamentale per un futuro roseo del calcio a Castellammare”. © RIPRODUZIONE RISERVATA