Avellino, attesa per la diagnosi
di Kanoute: non sarà rischiato comunque

Giovedì 14 Ottobre 2021 di Marco Ingino
Avellino, attesa per la diagnosi di Kanoute: non sarà rischiato comunque

Con l'infermeria quasi del tutto svuotata, dove stanno facendo capolino solo Scognamiglio per qualche seduta di fisioterapia alla caviglia e Kanoute per un leggero affaticamento muscolare, l'Avellino inizia gradatamente a prendere la forma desiderata da Piero Braglia. Non a caso fin dalla ripresa degli allenamenti di martedì scorso, l'allenatore di Grosseto ha puntato subito in maniera decisa sul modello zemaniano allo scopo di rivitalizzare una squadra apparsa finora tanto granitica in difesa (4 reti subite e secondo miglior reparto del raggruppamento) quanto sterile in attacco (terzultimi con 5 gol meglio solo di Vibonese con 4 e Picerno con 3). Una discrasia facilmente riscontrabile in una classifica deficitaria che il gruppo biancoverde è chiamato assolutamente a scalare fin dalle prossime due trasferte racchiuse nel giro di tre giorni: domenica ad Andria alle 14.30 e mercoledì prossimo, alle 21, a Catania. Due impegni ravvicinati in cui proprio l'organico a completo, o quasi, potrebbe risultare determinate per aggirare le insidie che si celano dietro le motivazioni dei pugliesi, rigenerati dal cambio tecnico, o la disperazione del Catania, dove malgrado una classifica non deficitaria non mancano i problemi societari. Speranzoso di aver dato definitivamente un calcio alla sfortuna e ai suoi problemi, invece, Piero Braglia resterà quest'oggi in attesa della diagnosi definitiva di Kanoute.
Il senegalese ieri si è sottoposto a nuovi esami ecografici per capire se l'infiammazione agli adduttori, accusata a Viterbo contro il Monterosi, è definitivamente svanita. Memori di quanto accaduto in precedenza, però, staff tecnico e sanitario hanno già concordato che pure in caso di responso positivo l'ex Palermo sarà reinserito gradualmente in squadra. Di conseguenza, allo stadio degli Ulivi, contro l'Andria l'ex Catania scenderà in campo solo in caso di necessità per far respirare gli esterni Micovschi e Di Gaudio destinati a comporre pure in Puglia il tridente offensivo con uno da scegliere tra Gagliano e Maniero.

Attualmente, sebbene l'ex Pescara da martedì sia rientrato regolarmente in gruppo disputando persino la partitella in famiglia, il giovane Gagliano appare nettamente favorito per partire da titolare anche perché reduce dai due gol segnati in successione contro Monterosi e Francavilla. La staffetta tra i due, nell'arco dei prossimi 180 minuti, appare tuttavia scontata almeno quanto quella tra De Francesco e Aloi, che si contendono la regia, ma soprattutto tra Tito e Mignanelli che dal ritiro di Roccaraso hanno ormai avviato una alternanza no stop.
Al di là dell'avvicendamento in Coppa Italia, infatti, insieme con Forte, Ciancio e D'Angelo, i due esterni figurano tra i cinque calciatori sempre presenti in campionato. A differenza dei primi tre, però, Tito è stato sostituito per 6 volte proprio da Mignanelli che a sua volta, nelle altre due circostanze in cui è partito titolare, ha ricambiato il favore restituendo il testimone al terzino di Castellammare. Con due viaggi da affrontare tra domenica sera e martedì per passare dalla Puglia alla Campania prima di approdare in Sicilia, tuttavia, Braglia sarà inevitabilmente costretto ad attingere a due mani alla sua rosa e magari provare a dare un po' di minutaggio a chi come Messina (27 minuti), Scognamiglio (26 minuti) e Matera (appena 17 minuti) ha finora giocato davvero poco in campionato.


Problemi logistici che stanno condizionando non poco pure i tifosi intenzionati a seguire la squadra in entrambe le trasferte. Inevitabilmente a Catania, dove si giocherà di mercoledì alle 21, sugli spalti del Massimino ci sarà solo una sparuta rappresentanza della Sud dal momento che il traghetto di ritorno da Messina è addirittura previsto verso le tre del mattino. Per chi resterà a casa, intanto, si allarga l'offerta televisiva perché dopo Sky, Eleven Sports, il broadcaster che detiene i diritti sportivi della trasmissione delle dirette delle partite di Lega Pro, ha annunciato la distribuzione del canale su Amazon Prime Video Channels. L'accordo prevede la visione delle partite in diretta attraverso canali dedicati e in differita. L'offerta live vedrà la diretta di 10 match a giornata di Serie C acquistabili anche tramite abbonamento.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA