Avellino-Juve Stabia, il derby
della Campania finisce senza gol

Martedì 20 Ottobre 2020 di Titti Festa

AVELLINO Vedere un derby del genere fa bene a chi ama il calcio. È vero che alla fine Avellino e Juve Stabia si dividono il punto e non segnano ma dimostrano di poter, senza dubbio, essere protagoniste al vertice del girone C. Identità precise, qualità dei singoli, ritmi intensi e diverse occasioni per parte rendono i novanta minuti vibranti e pieni di colpi di scena da entrambe le parti.


Braglia non cambia il suo 3-5-2 e si affida a Maniero e Fella in attacco. Padalino risponde con il 4-3-3: Fantacci, Romero e Golfo tentano di violare la difesa biancoverde ancora imbattuta. La Juve Stabia, squadra solida e ben organizzata, parte a testa alta e ha già la prima occasione, dopo 4 minuti, con Golfo che in velocità arriva davanti a Forte che para in due tempi. L’Avellino aspetta il momento giusto che arriva al 18’: cross di Tito per Maniero che prima sbuccia poi ci prova con un tiro da posizione defilata, anche questo senza fortuna. Gli stabiesi quando possono ripartono in contropiede e fanno paura, gli irpini in questa fase sono un po’ imprecisi. Pecca nella mira anche Fantacci (32’) che di testa, a due passi dalla porta su cross di Vallocchia, manda incredibilmente fuori.

Stessa scena sul fronte opposto (36’) ancora Tito per Maniero, di poco fuori. Il finale del primo tempo è un monologo biancoverde. Fella (43’) becca in pieno la traversa servito da un De Francesco in netta crescita, due minuti dopo Maniero, sempre lui, si divora una occasione di platino, a tu per tu con Tomei.
Nella ripresa l’equilibrio è maggiore, tanto ritmo, manovra veloce e continui capovolgimenti di fronte con Tito, imprevedibile ed incontenibile, e Golfo che in velocità brucia spesso gli avversari. Proprio lui potrebbe sbloccarla (69’): punizione velenosa deviata da super Fella in versione difensore che salva. Allo scadere ancora Forte (88’) abbassa la saracinesca su Scaccabarozzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA