Avellino-Vicenza 0-0, due traverse negano il gol ai lupi

La squadra biancoverde ha sprecato sei preziose occasioni da gol. Domenica la gara di ritorno della semifinale playoff di serie C

Avellino-Vicenza
Avellino-Vicenza
Martedì 28 Maggio 2024, 23:23
3 Minuti di Lettura

Sei volte vicini al gol. Ma la sfortuna e un po' di imprecisione non hanno consentito all'Avellino di segnare contro il Vicenza al Partenio-Lombardi, davanti a un pubblico straordinario. La gara di andata della semifinale playoff si è chiusa 0-0. I padroni di casa hanno centrato per ben due volte la traversa. Il Vicenza ha dimostrato grande determinazione, difendendo la propria porta. Ha saputo difendere in maniera organizzata. L'Avellino ha creato di più, ma gli avversari non hanno mollato.

Alla fine il match si è chiuso a reti inviolate. L'Avellino parte subito bene dopo 3 minuti con Sgarbi che serve per Gori che non ci arriva. Al 31esimo Patierno da solo davanti alla porta tira alto. Ancora: sette minuti dopo Rigione colpisce la traversa su calcio d'angolo di D'Ausilio. Sul rimpallo Patierno spara fuori. Accade lo stesso nel secondo tempo. Praticamente la scena è identica. Al 58esimo Gori colpisce la traversa e sulla respinta Patierno lancia ancora fuori. Nella ripresa i lupi comandano il gioco. Rigione al 67esimo a pochi passi dalla porta non riesce a insaccare.

All'85esimo clamoroso errore di Marconi che sbaglia un gol già fatto a pochi metri dalla porta, dopo l'uscita sbagliata del portiere avversario. Nel secondo minuto di recupero, Ghidotti salva la porta dal colpo di testa di Golemic. La partita di ritorno domenica a Vicenza.

Si deciderà chi andrà in finale.

Avellino-Vicenza: 0-0

Avellino (3-5-2): Ghidotti; Cionek, Rigione, Frascatore; Sgarbi (74’ Marconi), Armellino, Palmiero (81’ Dall’Oglio), D’Ausilio (81’ Rocca), Liotti (60’ Ricciardi); Patierno, Gori (60’ Russo). A disposizione: Pane, Pizzella, Mulè, Llano, De Cristofaro, Varela, Pezzella, Tito. Allenatore: M. Pazienza. 

Vicenza (3-4-2-1): Confente; Cuomo, Golemic, Laezza (77’ Sandon); De Col, Greco (86’ Proia), Ronaldo (68’ Rossi), Costa; Delle Monache (68’ Talarico), Della Morte (68’ Pellegrini); Ferrari. A disposizione: Gallo, Massolo, Busato, Mogentale, Lattanzio, Fantoni, Conzato. Allenatore: S. Vecchi. 

Arbitro: Zanotti di Rimini.

Assistenti: Piazzini di Prato e Zezza di Ostia Lido.

Quarto uomo: Frascaro di Firenze.

Var: Nasca di Bari.

Avar: Paganessi di Bergamo.

Ammoniti: Palmiero (A), Greco (V), Frascatore (A).

Note: Recupero: 1’ pt, 4’ st. Al 56’ ammonito mister Michele Pazienza per proteste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA