Mercato: Casertana-Cerofolini
è fatta, arriva il portiere dalla Fiorentina

Giovedì 9 Gennaio 2020 di Domenico Marotta
Il primo colpo è quello che non ti aspetti. La Casertana ha ingaggiato ieri il portiere, in prestito dalla Fiorentina, Michele Cerofolini. Il 21enne calciatore arriva in prestito, reduce da un grave infortunio al ginocchio che lo ha tenuto ai box da maggio della scorsa stagione fino a novembre.
Cerofolini ha preferito rimanere in Toscana per la riabilitazione e ora è pronto per una nuova avventura in serie C dove torna dopo le esperienze a Cosenza (2 partite) e Bisceglie (13 presenze l'anno scorso prima dell'infortunio). Non è mai stato alle dipendenze di Ginestra che lasciò il club pugliese a gennaio ma Cerofolini sostituì in maglia nerazzurra l'attuale portiere della Casertana Crispino che sempre a gennaio si era trasferito a Siracusa. Una sorta di sliding doors che nessuno si aspettava: Crispino, numero uno dei falchetti finora, era arrivato in estate come padrone incontrastato dei pali. Ora dovrà giocarsi il ruolo con Cerofolini che non è di proprietà del club di Corso Trieste e che con Zivkovic e Galluzzo porta a quattro gli estremi difensori rossoblù. Intanto arriva una brutta tegola per la Casertana. Jacopo Silva si è fermato in allenamento per via di un risentimento muscolare.
Il difensore aveva già avuto qualche problemino nella seduta di allenamento di martedì e ieri è rimasto fermo in panchina ad assistere al lavoro dei compagni. Difficilmente ci sarà domenica quando i falchetti affronteranno il Rende nella prima partita ufficiale del 2020. Una perdita pesante per la retroguardia rossoblù di cui Silva è il faro quando si tratta di costruire il gioco. Non a caso, dal momento del suo debutto proprio contro il Rende nella gara d'andata, il 28enne ex Piacenza ha saltato solo due partite, entrambe per un lieve infortunio al ginocchio. Senza di lui, contro Viterbese e Reggina, i falchetti subirono due reti in due gare consecutive, fatto mai verificatosi dall'inizio della stagione. Pura casualità ma è evidente che dai piedi di Silva passa quasi sempre la manovra di costruzione del gioco della Casertana che, come vuole Ginestra, lascia partire la manovra sempre dalla propria metà campo. Difficile che il difensore recuperi in tempo per domenica ed allora via al toto sostituto. Contro la Viterbese a giocare al posto di Silva nel ruolo di centrale difensivo fu il regista di centrocampo Santoro mentre la domenica successiva toccò a Rainone con Ciriello sul centro destra. Possibile che Ginestra decida per quest'ultima soluzione: Santoro infatti servirà in mediana visto che Lezzi e Laaribi sono ancora alle prese con il lavoro differenziato per smaltire i rispettivi infortuni.
Un incidente di percorso che la Casertana si sarebbe risparmiata volentieri. La voglia di partire con il piede giusto nel girone di ritorno è tanta perché le prime giornate in calendario offrono la ghiotta occasione di chiudere in anticipo il discorso salvezza con il mercato ancora aperto. Prima della fine del mese infatti, la Casertana affronterà oltre al Rende, altre due squadre di squadre di bassa classifica come il Francavilla e il Rieti (a febbraio le due sfide interne contro Picerno e Bisceglie) e dovrà cogliere l'occasione per raccogliere quanti più punti è possibile. Certo, in mezzo, il 22 gennaio, c'è il Potenza terzo in classifica ma di appuntamenti importanti al Pinto la Casertana ne ha fallito solo uno, quello contro il Bari nell'ultima partita dell'anno. Insomma, al di la dell'infortunio di Silva, i falchetti stanno lavorando per presentarsi alla ripresa del campionato dopo la sosta natalizia nella miglior condizione possibile. Anche ieri, al Pinto, la squadra ha svolto in prevalenza un lavoro di rinforzamento muscolare finalizzato proprio ad incrementare la condizione atletica del gruppo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA