Casertana, Flores choc:
addio al calcio

Sabato 21 Dicembre 2019 di Domenico Marotta
Floro Flores medita l'addio al calcio. L'attaccante lo ha dichiarato in una trasmissione radiofonica: «Sto valutando con la mia famiglia e la Casertana, è una decisione importante per la mia vita» ha detto. Ed a confermare gli intenti del centravanti ex serie A è anche il presidente del club rossoblù D'Agostino: «È vero, Antonio (che è legato alla società da altri 2 anni di contratto ndr) ci ha parlato di questa sua intenzione. Credo che a fine stagione ha dichiarato ieri il presidente smetterà di giocare al calcio. So che è sua intenzione diventare allenatore, per lui la porta della Casertana resterà sempre aperta». C'è gran rapporto tra l'attaccante ed il presidente e l'impressione è che nelle prossime settimane di pausa dalle partite, Floro farà di tutto per recuperare una condizione accettabile per giocare da protagonista quello che probabilmente sarà l'ultimo girone di ritorno della sua lunga carriera.

La sosta natalizia è stata prolungata dallo sciopero indetto dalla Lega Pro per ottenere la defiscalizzazione per le società di serie C: «È un provvedimento dice D'Agostino che tutti ci auspichiamo che il Governo decida di adottare. Forse, però, lo sciopero è stato indetto in un momento poco felice. Magari, sarebbe stato meglio attendere fine stagione e proporre di non cominciare la prossima. In ogni caso siamo dalla parte del presidente Ghirelli anche perché la defiscalizzazione contribuirebbe alla sostenibilità economica dei club». D'Agostino, in ogni caso guarda più in alto e con lo stadio nuovo conta di regalare alla Casertana categorie più importanti: «Da qualche giorno abbiamo protocollato la richiesta di approvazione del progetto. Credo che il Comune ci risponderà nel giro di un mese o poco più. Se otterremo l'approvazione avremo fatto un passo importantissimo per cominciare le opere». Già pronti i progetti da presentare ai Vigili del Fuoco ed al Genio civile per ottenere le autorizzazioni antincendio e sismica: «Ci siamo portati avanti con il lavoro per essere pronti ad iniziare le opere appena terminato l'iter burocratico». Intanto, c'è da concludere il campionato di serie C nel migliore dei modi: «Sono soddisfatto del rendimento della squadra spiega il presidente forse abbiamo lasciato qualche punto per strada ma, ne sono certo ci rifaremo. Peccato per l'infortunio di Castaldo ma ci poteva stare e poi, con il nuovo anno lo riavremo a disposizione». Ed il mercato di gennaio è ormai alle porte: «Se ne occupa Violante continua D'Agostino e non so se ci sono trattative già avviate. So, però, che già da tempo sta lavorando su calciatori che conosce e che possono essere funzionali alla squadra anche in ottica futura. Non ci saranno stravolgimenti ma qualche cosa faremo di certo». Anche in uscita, probabilmente: «Non abbiamo la volontà di cedere nessuno spiega ma nel caso qualche ragazzo ci chiedesse di andare a cercare più spazio altrove vedremo di accontentarlo».
VISITA IN OSPEDALE
Gruppo solido e proiettato al futuro che anche ieri si è allenato. Sempre tenendo presente il periodo festivo denso di appuntamenti extracalcistici. Stamattina una folta delegazione di calciatori e dirigenti rossoblù visiterà il reparto di pediatria dell'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano per portare doni natalizi ai piccoli malati. L'iniziativa proposta dai gruppi organizzati del tifo è ormai una tradizione ma quest'anno gli ultras hanno coinvolto anche la squadra e la società. Poi, il rompete le righe e l'addio temporaneo della squadra al campo di calcio. Almeno due settimane piene (è possibile che il recupero delle gare rinviate domenica ci sia già il 5 gennaio) senza partite ufficiali da giocare. Poi comincerà il nuovo anno e la Casertana metterà nel mirino una qualificazione ai playoff che finora, i ragazzi di Ginestra hanno dimostrato di potersi giocare.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA