Casertana, Ginestra testa la forma
dei suoi contro i Tre Pini

Domenica 29 Dicembre 2019 di Riccardo Marocco
Ultimi allenamenti del 2019 per la Casertana prima della seconda parte della sosta personale. Da domani, infatti, nuovo «rompete le righe» fino al rientro previsto per venerdì prossimo, quando i calciatori rossoblù riprenderanno la preparazione in vista della trasferta di Rende, match che inaugura il girone di ritorno dopo l'annullamento di quella prevista in calendario lo scorso 22 dicembre e che, lo ricordiamo, sarà recuperata il 22 gennaio con i rossoblù impegnati in cassa contro il Potenza in orario serale. Oggi per Rainone e compagni è in programma un allenamento congiunto a Piedimenonte Matese contro la locale formazione dei «Tre Pini», compagine iscritta al torneo di Eccellenza molisana. Per il tecnico rossoblù Ginestra l'opportunità di verificare la condizione della sua squadra, o meglio di chi è ancora disponibile in questo momento alla luce dei problemi fisici che hanno interessato diversi suoi elementi.
Il centrocampista Lezzi sta ancora seguendo la terapia medica per recuperare dallo stiramento all'adduttore della coscia destra rimediato alla vigilia del match di reggio Calabria dello scorso 10 novembre. Discorso analogo sia per l'altro centrocampista Laaribi, fermato da un problema al legamento collaterale del ginocchio destro, che per l'attaccante Floro Flores, quest'ultimo alle prese con una distrazione muscolare del bicipite femorale della coscia sinistra. Tutti i giocatori citati non saranno presenti oggi a Piedimonte, così come Castaldo. Il trentasettenne bomber originario di Giugliano è alle prese con una distorsione (con versamento) alla caviglia, infortunio rimediato in occasione del derby con la Cavese e riacutizzatosi, dopo due turni di stop, all'indomani del suo impiego nel match casalingo con la Viterbese. Era il 3 novembre e da allora Castaldo non ha rimesso più piede in campo. Facendo un raffronto statistico, con Castaldo in campo ha totalizzato in undici gare una media di 1,36 punti a partita contro gli 1,25 fatti registrare negli otto match in cui l'attaccante è stato assente. Una differenza tutto sommato non evidente, merito dello spirito di sacrificio e della coesione del gruppo, anche se è chiaro che soprattutto dal punto di vista tattico la sua assenza è stata difficile da surrogare, soprattutto in partite in cui il peso specifico in fase offensiva veniva meno anche per la concomitante defezione di Floro Flores, altro giocatore finora impiegato pochissimo per problemi fisici.
In vista della riapertura del mercato, prevista per il 2 gennaio, la società starebbe comunque guardando con attenzione proprio il settore degli attaccanti per sopperire all'eventuale riproporsi di simili inconvenienti. Ma parliamo sempre di giocatori giovani e funzionali al progetto intrapreso la scorsa estate. Tornando a Castaldo, il suo processo di recupero sembra procedere nel migliore dei modi. Non è il caso, comunque, di rischiare, per cui oggi farà da semplice spettatore al test amichevole contro i «Tre Pini», ma sembra certo il suo rientro in campo alla ripresa del campionato nella trasferta di Rende.
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA