Casertana, il capitano Rainone fiducioso:
«Contro il Rende daremo il massimo»

Venerdì 10 Gennaio 2020 di Riccardo Marocco
Primo allenamento con la Casertana per Michele Cerofolini, il portiere arrivato alla Fiorentina con la formula del prestito con un'opzione sul rinnovo.
Giunto in città in tarda mattinata, il ventenne originario di Arezzo ha fatto conoscenza con i suoi nuovi compagniprima di mettersi al lavoro. L'arrivo di Cerofolini sarà propedeutico alla partenza di uno tra Galluzzo e Zivkovic, riserve del titolare Crispino. Nel frattempo, è ormai entrata nel vivo la preparazione del match contro il Rende che si disputerà al San Vito-Marulla di Cosenza. L'ufficialità è giunta nel pomeriggio, una notizia sicuramente positiva per la Casertana e per i suoi tifosi, da oltre trent'anni gemellati con gli omologhi cosentini i quali, vista la paura della serie B, saranno sicuramente presenti a dar loro manforte. Insomma, la compagine rossoblù potrebbe come sentirsi a casa. «Quella di Cosenza è una sede ideale per noi - dice il difensore rossoblù Pasquale Rainone - perché troveremo un campo ben curato dove avremo la possibilità di esprimere un buon calcio. È chiaro, poi, che grazie all'amicizia tra tifosi casertani e cosentini potremo avere un sostegno in più». Fatto sta che il match contro il Rende giunge a circa un mese dall'ultimo impegno di campionato, una lunga sosta causata dallo sciopero proclamato dalla Lega Pro in occasione delle gare che si sarebbero dovute disputare lo scorso 22 dicembre, giornata di campionato che, lo ricordiamo, sarà recuperata il 22 gennaio prossimo. «Dopo questo lungo riposo forzato - prosegue Rainone - c'è una gran voglia di ripartire nel migliore dei modi, soprattutto per noi che veniamo da una sconfitta casalinga. Siamo ben consapevoli che il girone di ritorno sarà completamente diverso rispetto a quanto visto all'andata. Tutte le squadre si rinforzeranno in questa sessione del calciomercato. Tutte le partite saranno difficile, a partire proprio da questa contro il Rende dove troveremo una squadra assetata di punti vista la delicata situazione di classifica in cui si ritrova». Ad ogni buon conto, nella parte iniziale di questo girone di ritorno, la stessa casertana ha la possibilità di mettere in cascina quei punti tali da consentirle un prosieguo di torneo con maggiore serenità.
«Sono partite, le prossime sei, sicuramente alla nostra portata - ammette Rainone - anche se i discorsi fatti sulla carta lasciano il tempo che trovano. Ci sono sempre gli avversari da affrontare per cui sarà sempre il campo ad emettere il verdetto definitivo». Casertana che si appresta ad affrontare questo girone di ritorno ancora alle prese con problemi di formazione tra infortuni e squalifiche. Ai forfait dello squalificato Adamo, appiedato per due turni dal giudice sportivo dopo l'espulsione contro il Bari, e degli infortunati Lezzi e Laaribi (quest'ultimo sarebbe stato l'ex di turno in campo), va aggiunto anche quello di Silva, fermato da un risentimento al polpaccio.
«Purtroppo fa parte del gioco - dice Rainone - anche se è chiaro che, soprattutto in questa parte iniziale del girone di ritorno, avere tutti a disposizione ci avrebbe fatto assai comodo. Cercheremo, comunque, in tutti i modi di non far rimpiangere gli assenti». Chiusura sul rapporto professionale tra Rainone e la Casertana. «A giugno mi scadrà il contratto - dice il capitano rossoblù - ma spero di incontrare quanto prima il presidente D'Agostino e il direttore Violante per parlare di rinnovo. Mi piacerebbe restare ancora a lungo a giocare con la Casertana».
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA