Casertana, domenica senza calcio:
martedì la ripresa con vista sul Bari

Domenica 15 Novembre 2020 di Riccardo Marocco

È stato un sabato insolito, quello di ieri, per la Casertana. In questo giorno, infatti, la compagine rossoblù faceva le ultime verifiche in allenamento prima di affrontare l'impegno domenicale previsto in calendario. Per effetto, però, del rinvio disposto dalla Lega del match programmato per oggi contro il Bisceglie, causa la complicata situazione in cui il club pugliese versa con riferimento ai contagi da Covid-19 che hanno interessato la rosa della prima squadra, la seduta di ieri è stato un semplice allenamento, svolto giusto per non perdere ritmo.

Lavoro differenziato per Konaté, Pacilli, Fedato e Origlia, con quest'ultimo che da giovedì ha ripreso ad allenarsi con la squadra dopo i problemi fisici accusati sin dalla vigilia dell'inizio del campionato e che non gli hanno mai consentito di essere a disposizione del tecnico Guidi, neanche in panchina. Lo stesso tecnico fiorentino ha concesso alla squadra due giorni di riposo, si riprenderà martedì per preparare la difficile sfida casalinga contro il Bari, una seria candidata al salto diretto di categoria. Certo è che la Casertana è attesa da un periodo denso di partite che la porterà a scendere in campo otto volte nello spazio di un mese, questo se si dovessero rivelare indovinate le supposizioni relative al recupero della gara con il Bisceglie, prevista orientativamente per il 16 dicembre prossimo. Dopo la sfida con il Bari, infatti, la casertana è attesa dal derby esterno con la Cavese, mentre tre giorni dopo recupererà la gara casalinga della decima giornata contro la Vibonese, anche questa rinviata causa Covid della compagine calabrese.

Poi, nuova gara interna, stavolta contro il Monopoli nel posticipo televisivo del lunedì, mentre la domenica successiva i calciatori rossoblù sbarcheranno in Sicilia per affrontare il Palermo. Dopo il match contro i rosanero, dovrebbe esserci il recupero del match contro il Bisceglie, mentre successivamente per la sedicesima giornata toccherà alla Viterbese presentarsi al «Pinto». Prima della sosta, nel turno infrasettimanale della diciassettesima giornata, altro derby esterno stavolta al «Menti» di Castellammare di Stabia contro i gialloblù della Juve Stabia, match che chiuderà il sipario sul 2020. Si riprenderà il 10 gennaio con la casertana che ospiterà il Catania, mentre sette giorni dopo andrà in archivio il girone d'andata con i rossoblù ospiti della Paganese. La Lega Pro, intanto, ha modificato quelli che sono i criteri relativi alle retrocessioni, con particolare riferimento al girone cui è inserita la casertana. Tale operazione si è resa opportuna, a giudizio della stessa Lega, a seguito dell'esclusione dal campionato del Trapani causata da due rinunce a presentarsi in campo da parte della compagine granata e che ha avuto come conseguenza la riduzione del raggruppamento meridionale a diciannove squadre. Ebbene, la Lega ha stabilito che l'ultima classificata dei tre gironi retrocederà direttamente in serie D e nel caso del girone C questa sarà la diciannovesima classificata. Le altre retrocessioni saranno scaturite dalla disputa dei play out con la differenza che nel girone C vedrà una prima scrematura nei confronti tra quindicesima e diciottesima e tra sedicesima e diciassettesima (sempre che tra queste non ci saranno al termine della stagione regolare più punti di otto punti di differenza in classifica il che significherebbe la mancata disputa dello spareggio) le perdenti di questi due scontri si affronteranno tra loro per stabilire la terza squadra che retrocederà tra i dilettanti. Tutte le sfide dei play off di svolgeranno con gare di andata e ritorno. È chiaro che la speranza di tutti è che la Casertana trovi quei punti necessari per evitare la lotteria dei play out.

© RIPRODUZIONE RISERVATA